25 Gennaio 2022
Expand search form

Si festeggia Halloween con “dolcetto o scherzetto”?

Perché i bambini si vestono in costume e bussano alle porte degli sconosciuti per chiedere dolcetti ad Halloween? La pratica può essere fatta risalire agli antichi Celti, ai primi cattolici romani e alla politica britannica del XVII secolo.

Trick-or-treating – partire la notte di Halloween in costume e suonare i campanelli per chiedere dolcetti – è una tradizione negli Stati Uniti e in altri paesi da più di un secolo. Le sue origini rimangono oscure, ma le tracce possono essere identificate nelle antiche feste celtiche, nelle prime feste cattoliche romane, nelle pratiche medievali e persino nella politica britannica.

Antiche origini di Trick-or-Treating

Storia di Halloween: Samhain

Un uomo che rappresenta il Re dell’Inverno tiene una spada fiammeggiante mentre partecipa a una cerimonia che celebra Samhain a Somerset, Inghilterra, 2017.

Matt Cardy/Getty Images

Halloween ha le sue radici nell’antica festa celtica precristiana di Samhain, che veniva celebrata la notte del 31 ottobre. I Celti, che vivevano 2.000 anni fa nell’area che oggi è l’Irlanda, il Regno Unito e il nord della Francia, credevano che i morti tornassero sulla terra il giorno di Samhain. Nella notte sacra, la gente si riuniva per accendere falò, offrire sacrifici e rendere omaggio ai morti.

Raccomandato per voi

Po’Pay: L’eroe Pueblo poco conosciuto che ha guidato la prima rivoluzione americana

Storia delle Olimpiadi invernali

I Chicago Bears battono i Philadelphia Eagles in uno strano Fog Bowl

Lo sapevi? Anche se non si sa esattamente dove e quando la frase “dolcetto o scherzetto” è stata coniata, l’usanza era stata saldamente stabilita nella cultura popolare americana dal 1951, quando trick-or-treating è stato raffigurato nel fumetto Peanuts. Nel 1952, la Disney produsse un cartone animato chiamato “Trick or Treat” con Donald Duck e i suoi nipoti Huey, Dewey e Louie.

Durante alcune celebrazioni celtiche di Samhain, gli abitanti dei villaggi si travestivano con costumi fatti di pelli di animali per scacciare i visitatori fantasma; venivano preparati tavoli da banchetto e il cibo veniva lasciato fuori per placare gli spiriti indesiderati.

Nei secoli successivi, le persone iniziarono a vestirsi da fantasmi, demoni e altre creature maligne, eseguendo buffonate in cambio di cibo e bevande. Questa usanza, nota come mumming, risale al Medioevo e si pensa che sia un antecedente del “dolcetto o scherzetto”.

Radici paleocristiane e medievali di Dolcetto o scherzetto

Storia di Halloween

Una cartolina degli inizi del 20° secolo che ritrae dei bambini ad Halloween.

Collezione Rykoff/Corbis/Getty Images

Nel nono secolo, il cristianesimo si era diffuso nelle terre celtiche, dove gradualmente si è mescolato e ha soppiantato i vecchi riti pagani. Nel 1000 d.C. la chiesa designò il 2 novembre come Giorno delle Anime, un momento per onorare i morti. Le celebrazioni in Inghilterra assomigliavano alle commemorazioni celtiche di Samhain, complete di falò e mascherate.

La gente povera visitava le case delle famiglie più ricche e riceveva dolci chiamati torte dell’anima in cambio della promessa di pregare per le anime dei parenti morti dei proprietari di casa. Conosciuta come “souling”, la pratica fu poi ripresa dai bambini, che andavano di porta in porta a chiedere regali come cibo, denaro e birra.

In Scozia e in Irlanda, i giovani prendevano parte a una tradizione chiamata guising, vestendosi in costume e accettando offerte da varie famiglie. Piuttosto che impegnarsi a pregare per i morti, cantavano una canzone, recitavano una poesia, raccontavano una barzelletta o facevano un altro tipo di “trucco” prima di raccogliere il loro regalo, che tipicamente consisteva in frutta, noci o monete.

Celebrazioni della notte di Guy Fawkes

La notte del falò di Guy Fawkes

Un’effigie di Guy Fawkes viene bruciata durante la Bonfire Night, 1952.

Bert Hardy/Picture Post/Hulton Archive/Getty Images

Il moderno trick-or-treating ha anche elementi simili alle celebrazioni annuali della Guy Fawkes Night (conosciuta anche come Bonfire Night). In questa notte, che commemora lo sventamento del Gunpowder Plot nel 1605, i bambini britannici indossavano maschere e portavano effigi mentre chiedevano l’elemosina. Il 5 novembre 1606, Fawkes fu giustiziato per il suo ruolo nella cospirazione guidata dai cattolici per far saltare il Parlamento inglese e rimuovere il re Giacomo I, protestante, dal potere.

Nell’originale Guy Fawkes Day, celebrato subito dopo l’esecuzione del famoso cospiratore, venivano accesi falò comuni, o “fuochi d’ossa”, per bruciare le effigi e le simboliche “ossa” del papa cattolico. All’inizio del XIX secolo, i bambini con le effigi di Fawkes giravano per le strade la sera del 5 novembre, chiedendo “un penny per il ragazzo”.

Dolcetto o scherzetto negli Stati Uniti

Storia di Halloween: Dolcetto o scherzetto

Bambini vestiti per Halloween a Jersey City, NJ.

Bettmann Archive/Getty Images

Alcuni coloni americani celebravano il Guy Fawkes Day e, a metà del XIX secolo, un gran numero di nuovi immigrati, soprattutto quelli in fuga dalla carestia irlandese del 1840, contribuirono a rendere popolare Halloween.

All’inizio del XX secolo, le comunità irlandesi e scozzesi fecero rivivere negli Stati Uniti le tradizioni del Vecchio Mondo del souling e del guising. Negli anni ’20, tuttavia, gli scherzi erano diventati l’attività di Halloween preferita dai giovani chiassosi.

La Grande Depressione esacerbò il problema, con le marachelle di Halloween che spesso degeneravano in vandalismo, aggressioni fisiche e sporadici atti di violenza. Una teoria suggerisce che gli eccessivi scherzi di Halloween hanno portato all’adozione diffusa di una tradizione di “dolcetto o scherzetto” organizzata e basata sulla comunità negli anni ’30. Questa tendenza fu bruscamente ridotta, tuttavia, con lo scoppio della seconda guerra mondiale, quando il razionamento dello zucchero significò che c’erano pochi dolcetti da distribuire. Al culmine del baby boom del dopoguerra, il “dolcetto o scherzetto” reclamò il suo posto tra le altre usanze di Halloween. Divenne rapidamente una pratica standard per milioni di bambini nelle città e nei sobborghi americani di recente costruzione. Non più costrette dal razionamento dello zucchero, le compagnie di caramelle capitalizzarono su questo rituale lucrativo, lanciando campagne pubblicitarie nazionali specificamente mirate ad Halloween.

Oggi gli americani spendono circa 2,6 miliardi di dollari in dolciumi ad Halloween, secondo la National Retail Federation, e il giorno stesso è diventato la seconda festa commerciale della nazione.

Articolo precedente

Cosa significa HRO nell’assistenza sanitaria?

Articolo successivo

Le capre fanno la muta?

You might be interested in …

Quanto pesa un Dyson dc07?

In che anno è stato prodotto il Dyson DC07? Nel 2002, la tecnologia Dyson ha fatto il suo debutto in America con il verticale DC07, un anno dopo che il modello era stato introdotto in […]