22 Gennaio 2022
Expand search form

Quali colori fanno il verde mare?

Quali colori rendono verde acqua di mare

In questo articolo, parleremo di quali colori fanno il verde mare quando li si mescola insieme.

Sia nel design che nella moda, verde acqua marina è stato a lungo considerato uno dei preferiti dal pubblico. Dato il suo fascino rilassante e la sua morbidezza magnetizzante, la tonalità è riuscita a mantenere la sua posizione di punta tra la vasta gamma di selezioni pastello.

Se siete tra i molti che cercano di incorporare questo colore fresco e terroso nella vostra arte e design, sapere come crearlo mescolando diverse tonalità è un grande passo verso il raggiungimento del vostro obiettivo.

Per aiutarvi in questo, abbiamo raccolto tutto quello che dovete sapere per ricreare questa tonalità luminosa, iridescente e notevolmente vibrante.

Cos’è il verde acqua marina?

Riconosciuto come uno dei colori più morbidi associati al mare, il verde acqua marina rappresenta un’altra tonalità fresca e terrosa comunemente paragonata al colore verde menta.

È interessante notare che la storia del verde acqua di mare può essere fatto risalire fino al 1700; tuttavia, non è stato fino al 1950 che il colore è diventato uno dei preferiti dal pubblico, come innescato dall’ascesa dell’abbigliamento color pastello.

Surf, colore verde acqua marina

Ad oggi, con l’apparente rinascita della moda e del design vintage, il verde acqua marina è riuscito a mantenere la sua posizione in-demand.

Venendo da questo, è naturale che alla fine affronterete situazioni in cui avrete bisogno di incorporare questa tonalità rilassante nella vostra arte o nel design scelto.

Teoria della miscelazione della ruota dei colori

Come potreste ricordare dall’asilo, la ruota dei colori rappresenta la disposizione logica dei colori mappati all’interno di un cerchio.

Nel campo delle arti visive, questo paradigma serve come strumento di base che aiuta artisti e designer a capire la scienza e l’arte di trattare i colori.

In particolare, la Ruota dei Colori agisce come un dispositivo artistico che dimostra accuratamente come ogni tonalità si relaziona all’altra – quali colori si completano a vicenda, quali si contraddicono, e quali si sostengono a vicenda.

Ruota dei colori

In questa disposizione, i colori sono divisi in tre categorie, cioè i primari, i secondari e i terziari.

Quando si parla di colori primari, ci si riferisce alle tre tonalità di base da cui derivano tutti gli altri colori.

In particolare, sono i colori rosso, giallo e blu. Nella teoria tradizionale dei colori, questi tre sono ritenuti i genitori di tutte le altre tinte e non possono essere creati semplicemente mescolando i colori insieme.

Colori primari Rosso Giallo Blu

Nel frattempo, quando si parla di colori secondari, ci si riferisce a quelli che vengono prodotti quando si mescolano due colori primari.

Generalmente, questi includono il colore arancione, che viene creato mescolando il rosso e il giallo; il colore viola, che è il risultato del rosso più il blu; e il colore verde, che viene generato dalla combinazione di blu e giallo.

Infine, i colori terziari sono quelli che vengono prodotti quando si combina un colore primario con uno secondario. Questi includono i colori giallo-arancio, rosso-arancio, rosso-viola, blu-viola, blu-verde e giallo-verde.

Colori primari, colori secondari e colori terziari: schema della ruota dei colori

Conoscendo questi principi di base, artisti e designer possono facilmente determinare quali combinazioni di colori porteranno ai risultati desiderati.

Quali sono i colori che rendono la schiuma di mare verde?

Quali colori rendono il verde schiuma di mare

Ora che avete avuto un breve ripasso della Ruota dei Colori, potrebbe essere più facile per voi indovinare quali colori rendono il verde acqua di mare.

Fondamentalmente, dal momento che questa tonalità assomiglia a una sfumatura più chiara di verde, avrete probabilmente indovinato che avrete bisogno di combinare i colori blu e giallo per creare la sua base.

Potete poi aggiungere altro blu per approfondire il colore.

Una volta che hai trovato il colore verde, puoi ora aggiustare la sua tonalità per ottenere una carnagione più chiara che sia più vicina al seafoam.

Per farlo, dovrai aggiungere il colore grigio (bianco + nero) nella miscela fino a quando non diventa più leggero e più morbido nell’aspetto.

Il verde acqua marina nelle arti e nel design

In generale, il verde acqua marina è considerato un colore estremamente versatile e può essere abbinato a quasi tutte le tonalità.

Tuttavia, se volete portare più vita nel vostro lavoro, accoppiandolo con colori forti, come il rosso-arancio, farà certamente il lavoro.

D’altra parte, se si desidera evidenziare i suoi effetti calmanti, mescolandolo con colori neutri, come il tortora o il bianco, può dare il tipo di vibrazione che si sta puntando.

Dal momento che il colore porta la freschezza del verde e la profondità del blu, l’uso del verde alga per l’interno della casa può anche aiutare a creare una vibrazione rilassante che è perfetta per bagni e cucine.

La linea di fondo

Se state puntando a riconquistare la dolcezza del mare nella vostra pittura o semplicemente volete accogliere la sensazione dell’oceano nei vostri interni, padroneggiare come creare il verde alga è un compito importante.

Assicurati di ricreare questo rilassante colore terroso mescolando le giuste quantità di blu, verde e grigio insieme. Sperimenta con la tua pittura e impara di più sulla scienza della miscelazione dei colori oggi!

Articolo precedente

Maxine Waters sarà rieletta?

Articolo successivo

Il gloss per capelli copre i grigi?

You might be interested in …

Cosa significa una maggiore affinità dell’ossigeno?

L’emoglobina come veicolo per l’ossigeno trasporta circa 65 volte il volume di ossigeno che sarebbe altrimenti trasportato dalla semplice soluzione nel plasma. Gli spostamenti conformazionali della molecola inducono un’affinità cooperativa ossigeno-emoglobina. Questa proprietà si riflette […]

Quale codice ICD 10 copre il folato?

Quali codici ICD 10 coprono B12 e folato? D51. 0 è un codice ICD-10-CM fatturabile/specifico che può essere utilizzato per indicare una diagnosi ai fini del rimborso. L’edizione 2021 di ICD-10-CM D51. 0 è entrata […]