28 Giugno 2022
Expand search form

Quale sesso è migliore nella memoria?

Quando si tratta di memoria, quale sesso è superiore? Anche se per molti – soprattutto per le coppie sposate o a lungo termine – questo può essere un argomento di dibattito giocoso, i ricercatori dicono che la domanda è importante perché potrebbe aiutarli a capire chi è a maggior rischio di malattia di Alzheimer.

“C’è attualmente un’epidemia globale del morbo di Alzheimer che, se non capiamo come trattare, sta per affondare l’economia dei nostri figli”, Jill Goldstein, PhD, direttore della ricerca presso il Connors Center for Women’s Health and Gender Biology al Brigham and Women’s Hospital di Boston, ha detto a CBS News. “Abbiamo bisogno di trovare trattamenti di successo. Se si cura una volta che la malattia inizia, si è persa la battaglia”.

Più di 46 milioni di persone in tutto il mondo vivono con l’Alzheimer o altre forme di demenza, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Quel numero dovrebbe salire a più di 130 milioni entro il 2050.

Per cercare di combattere il problema, molti nella comunità scientifica si stanno concentrando sull’identificazione dei primi fattori di rischio nella speranza di trovare modi per trattare l’Alzheimer prima che compaiano i sintomi. “La mia sensazione è che la comprensione delle differenze di sesso fornirà indizi per rispondere a questa domanda”, ha detto Goldstein.

Goldstein è l’autore senior di uno studio pubblicato oggi su Menopause, la rivista della North American Menopause Society (NAMS), sulle differenze di sesso nella memoria.

La ricerca trova che le donne di mezza età hanno superato gli uomini su tutte le misure di memoria. Tuttavia, lo studio ha anche confermato che per molte donne, la memoria diminuisce dopo la menopausa.

Per lo studio, i ricercatori hanno esaminato 212 uomini e donne dai 45 ai 55 anni. Hanno valutato la memoria dei partecipanti utilizzando test cognitivi che si sono concentrati sulla memorizzazione, l’elaborazione semantica e la memoria associativa. I test di elaborazione semantica sfidavano i partecipanti a nominare quante più parole correlate potessero pensare in varie categorie, come animali o frutta e verdura. I test di memoria associativa consistevano nell’abbinare i nomi ai volti e alle occupazioni.

“Replicando ciò che la ricerca precedente ha dimostrato, abbiamo scoperto che le donne in generale hanno una migliore funzione di memoria verbale rispetto agli uomini in tutti questi domini”, ha detto Goldstein. “Abbiamo esteso questo dimostrando che quando si inizia a guardare gli uomini rispetto alle donne in diverse fasi della transizione della menopausa, nelle donne in post-menopausa la differenza era attenuata”, suggerendo che con l’età le donne perdono alcuni dei loro vantaggi di memoria.

In particolare, l’apprendimento iniziale e il recupero delle informazioni richiamate in precedenza sono stati colpiti. L’immagazzinamento e il consolidamento della memoria non lo erano.

Come parte dello studio, i ricercatori hanno anche preso campioni di sangue dai partecipanti e hanno scoperto che il calo dei livelli dell’ormone estradiolo nelle donne in post-menopausa è stato associato a cambiamenti nelle prestazioni della memoria.

JoAnn V. Pinkerton, direttore esecutivo di NAMS, ha detto che i risultati confermano gli studi precedenti che suggeriscono che i livelli di siero di estradiolo influenzano la memoria nelle donne durante la transizione attraverso la menopausa.

“Le donne spesso riferiscono un aumento della dimenticanza e della ‘nebbia del cervello’ durante la transizione verso la menopausa”, ha detto a CBS News. “Sembra che i cambiamenti del cervello siano legati all’età riproduttiva (quanto bene funzionano le ovaie), non solo all’età cronologica, che sembrano sensibili all’abbassamento dei livelli sierici di estradiolo”.

Lei nota che mentre non è chiaro se l’assunzione di ormoni in menopausa può rallentare o invertire i problemi di memoria, “questo studio suggerisce che le donne con più alti livelli di estradiolo avevano un migliore richiamo della memoria”.

Mentre Goldstein spera che la ricerca contribuisca a una migliore comprensione dei fattori di rischio per l’Alzheimer – ed eventualmente un intervento di successo – Pinkerton ha detto che i risultati hanno anche implicazioni più immediate e pratiche.

“I fornitori di salute delle donne devono chiedere alle donne in transizione attraverso la menopausa se hanno ‘nebbia cerebrale’ o disturbi della memoria”, ha detto.

Alcune misure che possono aiutare, ha detto Pinkerton, possono includere modi per migliorare il sonno, un programma di esercizio, una dieta più sana, de-stressing o utilizzando la terapia ormonale della menopausa, se appropriato.

Articolo precedente

Le piccole case sono legali a Houston?

Articolo successivo

Cos’è l’app Slader?

You might be interested in …

Qual è la maschera più spaventosa?

Passiamo un sacco di tempo a cercare gli ultimi e più grandi costumi di Halloween, quindi se stai cercando le maschere di Halloween più spaventose del pianeta, sei arrivato nel posto giusto. Halloween è tutta […]

Cos’è il lockout nella sicurezza?

Le fonti di energia, comprese quelle elettriche, meccaniche, idrauliche, pneumatiche, chimiche, termiche o di altro tipo nelle macchine e nelle attrezzature possono essere pericolose per i lavoratori. Durante l’assistenza e la manutenzione di macchine e […]