17 Maggio 2022
Expand search form

Qual è lo scopo della riunione di pianificazione ICS?

Benvenuti alla Lezione 2, Moduli ICS e la “P” di pianificazione. Alla conclusione di questa lezione, sarai in grado di:

  • Descrivere il processo con cui lo IAP viene sviluppato e implementato, usando i moduli ICS, coerentemente con la “P” di pianificazione.

Avviso per tutti gli studenti della classe NIMS ICS All-Hazards Position-Specific e IS-201 ICS Forms:

Il Ciclo di Pianificazione, o “Planning P” come viene generalmente chiamato, stabilisce un continuum per l’Incident Action Planning (IAP) durante le operazioni di emergenza e non. La “P” di pianificazione come definita nel video “P” di pianificazione è uno strumento integrale per il corso NIMS ICS All-Hazards Position-Specific. La “P” di pianificazione usata in quel corso e nel video è una leggera modifica della “P” di pianificazione identificata nel NIMS, che è usata in questo corso.

La tempistica della riunione del Comando e dello Stato Maggiore, come indicato nella “P” di pianificazione, spiega la differenza nei cicli di pianificazione. Il NIMS colloca questa riunione tra il Comando Incidente/Comando Unificato che sviluppa/aggiorna gli obiettivi e la riunione di preparazione delle tattiche. La “P” di pianificazione usata nel corso precedentemente menzionato e nel video riconosce la flessibilità della riunione del Comando e dello Stato Maggiore, e si basa sulle necessità dell’incidente per determinare i tempi della riunione.

Immagine della Pianificazione �P. Muovendosi dal basso della gamba della P e poi in senso orario intorno alla P: Incidente/Evento, Notifiche, Risposta iniziale e valutazione, Briefing sull'incidente usando ICS 201, Riunione iniziale IC/UC, Riunione di sviluppo/aggiornamento degli obiettivi IC/UC, Riunione del Comando e dello Stato Maggiore, Preparazione per la riunione tattica, Riunione tattica, Preparazione per la riunione di pianificazione, Riunione di pianificazione, Preparazione e approvazione dello IAP, Briefing sulle operazioni, Inizia il nuovo periodo operativo, Esecuzione del piano e valutazione dei progressi.

Introduzione alla lezione (continua)

Il piano d’azione sull’incidente (IAP):

  • È definito come un piano orale o scritto che contiene obiettivi generali che riflettono la strategia generale di gestione di un incidente
  • Può includere l’identificazione delle risorse operative e delle assegnazioni
  • Può includere allegati che forniscono indicazioni e informazioni importanti per la gestione dell’incidente
  • Dovrebbe essere considerato un lavoro in corso durante le fasi iniziali della risposta agli incidenti

Panoramica del processo di pianificazione

Una pianificazione solida e tempestiva fornisce le basi per una gestione efficace degli incidenti. Il processo di pianificazione rappresenta un modello per la pianificazione strategica, operativa e tattica che include tutti i passi che un Comando Incidente/Comando Unificato (IC/UC) e altri membri del Comando e dello Stato Maggiore dovrebbero compiere per sviluppare e diffondere una IAP.

Il processo di pianificazione può iniziare con:

  • Programmazione di un evento pianificato
  • Identificazione di una minaccia credibile
  • Risposta iniziale a un incidente reale o imminente

Il processo continua con l’implementazione dei passi formalizzati e il personale necessario per lo sviluppo di una IAP scritta.

Processo di pianificazione: Cinque fasi primarie

Le cinque fasi primarie dovrebbero essere seguite in sequenza per assicurare uno IAP completo. Queste fasi sono progettate per permettere il raggiungimento degli obiettivi dell’incidente entro un tempo specificato.

Le fasi primarie del processo di pianificazione sono essenzialmente le stesse per l’IC che sviluppa il piano iniziale, per l’IC e il capo della sezione operativa che rivede il piano iniziale per le operazioni estese e per l’Incident Management Team (IMT) che sviluppa uno IAP formale.

Le cinque fasi principali sono:

  1. Analizzare la situazione, compresi gli sviluppi futuri
  2. Stabilire gli obiettivi e la strategia dell’incidente
  3. Sviluppare il piano
  4. Preparare e diffondere il piano
  5. Eseguire, valutare e rivedere il piano

1. Analizzare la situazione, compresi gli sviluppi futuri

La prima fase comprende la raccolta, la registrazione, l’analisi e la visualizzazione delle informazioni sulla situazione, sulle risorse e sul potenziale dell’incidente in modo da facilitare:

  • Un ICS-201 o un’altra risorsa di tracciamento iniziale dell’incidente, come una tavola di stato o moduli specifici della giurisdizione, che sono spesso usati per catturare gli obiettivi iniziali del comando dell’incidente, lo stato delle risorse e le azioni immediate e possono essere usati per fornire un briefing iniziale al personale di comando aggiuntivo
  • La capacità di determinare le risorse impegnate e quelle che possono essere richieste, compresi il comando e lo stato maggiore che possono essere necessari per sviluppare e implementare un IAP efficace
  • Maggiore consapevolezza situazionale della grandezza, della complessità e dell’impatto potenziale dell’incidente

Questa fase è la parte verticale della Pianificazione.

Grafico raffigurante la gamba della

2. Stabilire gli obiettivi e la strategia dell’incidente

La seconda fase comprende la formulazione e la prioritizzazione degli obiettivi SMART dell’incidente e l’identificazione delle strategie appropriate per affrontare le sfide dell’incidente (ICS-215 e ICS-215A).

Gli obiettivi SMART sono:

  • Sspecifici – cosa faremo esattamente, con chi e per chi?
  • Me come lo misuriamo noi?
  • Aorientato all’azione – quali sono le aspettative di performance?
  • Realistico – può essere realizzato come proposto?
  • Time frame-quando realizzeremo questo obiettivo?

All’interno della “P” di pianificazione, questa è la fase in cui l’IC/UC sviluppa gli obiettivi iniziali dell’incidente o rivede gli obiettivi dell’incidente per il prossimo periodo operativo.

Grafico dell'angolo in basso a sinistra del Piano con la dicitura:

3. Sviluppare il piano

La terza fase comporta la determinazione della direzione tattica e delle risorse specifiche, delle riserve e dei requisiti di supporto per l’attuazione delle strategie e delle tattiche selezionate per il periodo operativo (ICS-215, ICS-215A, ICS-202, ICS-203, ICS-204, ICS-205, ICS-206).

Questa fase della Pianificazione include una riunione del Comando e dello Stato Maggiore, con ogni posizione che prende una decisione su cosa prevedono, come danno priorità alle loro esigenze di risorse, e come raggiungeranno gli obiettivi specifici. Questa è la preparazione della riunione di pianificazione per finalizzare lo IAP.

Grafico della metà superiore sinistra della

4. Preparare e diffondere il piano

La quarta fase riguarda la preparazione del piano per includere i dettagli appropriati al livello di complessità dell’incidente.

Nell’ambito della Pianificazione, questa fase include:

  • Dare un aggiornamento sulla situazione, sullo stato delle risorse e sul potenziale dell’incidente
  • Rivedere e riconfermare gli obiettivi
  • Identificare le linee operative geografiche, stabilire i confini di branca e/o divisione e identificare le assegnazioni dei gruppi funzionali
  • Assegnare tattiche specifiche per ogni divisione e/o gruppo
  • Identificazione delle strutture operative e dei luoghi di segnalazione
  • Conferma degli ordini delle risorse
  • Requisiti e considerazioni sui piani di comunicazione, medico e del traffico
  • 4. Finalizzazione, approvazione e implementazione dello IAP

5. Eseguire, valutare e rivedere il piano

Il processo di pianificazione include l’aspettativa di eseguire e valutare le attività pianificate e controllare l’accuratezza delle informazioni da utilizzare nella pianificazione per i periodi operativi successivi. Lo Stato Maggiore dovrebbe confrontare regolarmente i progressi pianificati con quelli effettivi durante il periodo operativo.

All’interno del Piano, questa fase del processo di pianificazione è l’angolo in basso a destra e la metà in basso, che ora completa il Piano e il periodo operativo in cui è stato utilizzato.

Potreste anche essere interessati agli argomenti

Qual è lo scopo dell’incident Action Plan?

Il processo di pianificazione dell’azione dell’incidente fornisce uno strumento per sincronizzare le operazioni a livello di incidente e garantire che le operazioni dell’incidente siano condotte a sostegno degli obiettivi dell’incidente. Un sistema disciplinato di fasi di pianificazione e riunioni promuove la collaborazione e le partnership, e si concentra operazioni di incidente.Jul 1, 2015

Continua…

Quali sono tre scopi di ICS?

Giurisdizione e legittimità L’ICS è diffuso in uso dalle forze dell’ordine al business quotidiano, poiché gli obiettivi di base della comunicazione chiara, della responsabilità e dell’uso efficiente delle risorse sono comuni alla gestione degli incidenti e delle emergenze così come alle operazioni quotidiane.

Continua…

Qual è lo scopo del foglio di lavoro di pianificazione operativa ICS Form 215?

Il foglio di lavoro di pianificazione operativa ICS-215 è usato per: Determinare le assegnazioni geografiche (Divisione) o funzionali (Gruppo). Stabilire gli incarichi di lavoro specifici (tattiche) da eseguire durante il prossimo periodo operativo. Determinare le risorse necessarie per portare a termine gli incarichi di lavoro.

Continuare…

Cos’è la pianificazione P in ICS?

Questa fase della Pianificazione “P” comprende una riunione del Comando e dello Stato Maggiore, con ogni posizione che fa una determinazione su cosa prevedono, come danno priorità alle loro esigenze di risorse e come raggiungeranno obiettivi specifici. Questa è la preparazione della riunione di pianificazione per finalizzare lo IAP.

Continua…

Quali sono le cinque principali funzioni organizzative di ICS?

L’Incident Command System comprende cinque aree funzionali principali: Comando, Operazioni, Pianificazione, Logistica e Finanza/Amministrazione.1 Dic 2008

Continua…

Quali sono i benefici di ICS?

Benefici di ICSClarifying chain of command and supervision responsibilities to improve accountability.Leveraging interoperable communications systems and plain language to improve communications.Providing an orderly, systematic planning process.Implementing a common, flexible, predesigned management structure.More items…

Continua…

Che cos’è un piano per gli incidenti?

Un piano di gestione degli incidenti (IMP), a volte chiamato piano di risposta agli incidenti o piano di gestione delle emergenze, è un documento che aiuta un’organizzazione a tornare alla normalità il più rapidamente possibile dopo un evento non pianificato. … La gestione degli incidenti può essere parte della gestione complessiva della continuità aziendale di un’organizzazione.

Continua…

Qual è la differenza tra la pianificazione di un evento o la pianificazione di un incidente?

La più grande differenza tra eventi e incidenti è il tempo di esecuzione. Per gli eventi, ci sarà un preavviso e il tempo per completare un piano. Mentre la pianificazione per un evento, la situazione è stabile e ci sono confini chiari per quanto riguarda le restrizioni e le limitazioni.Apr 30, 2018

Continua…

Che cos’è la pianificazione spiega?

La pianificazione può essere definita come decidere in anticipo cosa fare in futuro. È il processo di pensare prima di fare. Comporta la determinazione degli obiettivi così come le attività necessarie da intraprendere per raggiungere gli obiettivi.

Continua…

Cos’è un processo di pianificazione?

Il processo di pianificazione riguarda la definizione degli obiettivi di un’azienda e la determinazione delle risorse necessarie per raggiungere tali obiettivi. Il raggiungimento di una visione richiede sforzi coordinati che aderiscono a un piano organizzativo più ampio. Questo è possibile attraverso strategie coerenti che sono supportate dal personale a tutti i livelli.

Continua…

Cos’è il modulo 211 dell’ICS?

L’ICS 211 serve a diversi scopi, in quanto: (1) registra i tempi di arrivo all’incidente di tutto il personale e le attrezzature in testa, (2) registra la posizione iniziale del personale e delle attrezzature per facilitare le assegnazioni successive, e (3) supporta la smobilitazione registrando la base di partenza, il metodo di viaggio, ecc…

Continua…

Qual è lo scopo del briefing sul periodo delle operazioni?

Il briefing sul periodo delle operazioni può essere chiamato briefing operativo o briefing sui turni. Questo briefing viene condotto all’inizio di ogni periodo operativo e presenta il piano d’azione dell’incidente ai supervisori delle risorse tattiche.

Continua…

Quali sono i benefici e le caratteristiche di ICS?

I vantaggi dell’ICSA sono una catena di comando chiaramente definita grazie al suo formato modulare.L’uso di una terminologia comune, che permette a diverse entità di gestione e supporto degli incidenti di lavorare insieme.La sicurezza dei soccorritori, degli studenti, dei docenti, dei lavoratori e di altri.Il raggiungimento degli obiettivi di risposta.Più articoli…

Continua…

Cos’è un piano d’azione per gli incidenti?

Un piano d’azione per gli incidenti (IAP) documenta formalmente gli obiettivi dell’incidente (noti come obiettivi di controllo nel NIMS), gli obiettivi del periodo operativo e la strategia di risposta definita dal comando degli incidenti durante la pianificazione della risposta. … Strategie di risposta (priorità e approccio generale per realizzare gli obiettivi)

Continua…

Il piano ICS è efficace?

L’ICS ha una notevole flessibilità interna. Può crescere o ridursi per soddisfare esigenze diverse. Questa flessibilità lo rende un approccio di gestione molto conveniente ed efficiente sia per situazioni piccole che grandi.

Continua…

Articolo precedente

Si può mettere del compensato nuovo sopra il vecchio?

Articolo successivo

Come ci si prende cura della pelle spaccata?

You might be interested in …

Quanto bisogna innaffiare dopo l’idrosemina?

Il tuo prato è stato appena idroseminato? Prendersene cura è incredibilmente importante se vuoi che cresca bene. Usa questa guida! Irrigazione Dopo che il prato è stato idroseminato, lascia asciugare il pacciame prima di annaffiare. […]