26 Settembre 2022
Expand search form

Qual è il ruolo dello scintoismo nella società giapponese di oggi?

I nostri redattori esamineranno ciò che hai inviato e determineranno se rivedere l’articolo.

Santuario Shintō

Shintōcredenze e pratiche religiose indigene del Giappone. La parola Shintō, che letteralmente significa “la via dei kami” (generalmente potere sacro o divino, in particolare i vari dei o divinità), è entrato in uso per distinguere le credenze indigene giapponesi dal buddismo, che era stato introdotto in Giappone nel VI secolo ce . Lo Shintō non ha un fondatore, né scritture sacre ufficiali in senso stretto, né dogmi fissi, ma ha conservato le sue credenze guida nel corso dei secoli.

Natura e varietà

Lo Shintō consiste nelle pratiche religiose tradizionali giapponesi così come nelle credenze e negli atteggiamenti di vita che sono in accordo con queste pratiche. Lo Shintō è più facilmente osservabile nella vita sociale del popolo giapponese e nelle sue motivazioni personali che in un modello di credo o filosofia formale. Rimane strettamente legato al sistema di valori giapponese e ai modi di pensare e di agire del popolo giapponese.

Santuario Shintō di Fushimi Inari

Lo Shintō può essere approssimativamente classificato nei seguenti tre tipi principali: Shrine Shintō, Sect Shintō, e Folk Shintō. Lo Shintō del santuario (Jinja Shintō), che esiste dall’inizio della storia giapponese fino ai giorni nostri, costituisce la corrente principale della tradizione Shintō. Lo Shintō dei santuari include nella sua struttura l’ormai defunto Shintō di Stato (Kokka Shintō) – basato sull’identità totale di religione e stato – e ha stretti rapporti con la famiglia imperiale giapponese. La Setta Shintō ( Kyōha Shintō) è un movimento relativamente nuovo che consiste in 13 grandi sette che hanno avuto origine in Giappone intorno al XIX secolo e in diverse altre che sono emerse dopo la seconda guerra mondiale. Ogni setta era organizzata in un corpo religioso da un fondatore o da un sistematizzatore. Lo Shintō popolare (Minzoku Shintō) è un aspetto della credenza popolare giapponese che è strettamente connesso con gli altri tipi di Shintō. Non ha una struttura organizzativa formale né una formulazione dottrinale, ma si concentra nella venerazione di piccole immagini lungo la strada e nei riti agricoli delle famiglie rurali. Questi tre tipi di Shintō sono interconnessi: Lo Shintō popolare esiste come sottostruttura della fede Shintō, e un seguace della Setta Shintō è di solito anche un parrocchiano (ujiko) di un particolare santuario Shintō.

Storia fino al 1900

Molto rimane sconosciuto sulla religione in Giappone durante il Paleolitico e il Neolitico. È improbabile, comunque, che la religione di queste epoche abbia qualche connessione diretta con lo Shintō. La cultura Yayoi, che ebbe origine nella zona settentrionale dell’isola di Kyushu intorno al III o II secolo a.C., è direttamente collegata alla successiva cultura giapponese e quindi allo Shintō. Tra i principali fenomeni religiosi Yayoi c’erano i riti agricoli e lo sciamanesimo.

Religione e cerimonie dei primi clan

Nell’antichità si formarono gradualmente piccoli stati in vari luoghi. Verso la metà del IV secolo ce, una nazione con a capo un antenato dell’attuale Casa Imperiale si era probabilmente costituita. L’unità costitutiva della società a quel tempo era il uji (clan o famiglia), e il capo di ogni uji era incaricato di venerare l ujigami-il suo particolare nume tutelare o guardiano. La preghiera per un buon raccolto in primavera e la cerimonia del raccolto in autunno erano due grandi feste che onoravano gli ujigami. La divinazione, la purificazione dell’acqua e la lustrazione (purificazione cerimoniale), che sono tutte menzionate nei classici giapponesi, divennero popolari e la gente iniziò a costruire santuari per i loro kami.

L’antico Shintō era politeista. La gente trovava kami nella natura, che dominava i mari o le montagne, così come in uomini eccezionali. Credevano anche nei kami di idee come la crescita, la creazione e il giudizio. Sebbene ogni clan facesse i kami tutelari kami il nucleo della sua unità, tali kami non erano necessariamente le divinità ancestrali del clan. A volte kami della natura e kami delle idee erano considerati come i loro kami.

Due diverse visioni del mondo erano presenti nell’antico Shintō. Una era la visione tridimensionale in cui la Piana dell’Alto Cielo ( Takama no Hara, il kami), la Terra di Mezzo (Nakatsukuni, il mondo presente) e l’Ade (Yomi no Kuni, il mondo dopo la morte) erano disposti in ordine verticale. L’altra visione era quella bidimensionale in cui questo mondo e il Paese Perpetuo (Tokoyo, un luogo utopico molto al di là del mare) esistevano in ordine orizzontale. Sebbene la visione tridimensionale del mondo (caratteristica anche della cultura sciamanica nord-siberiana e mongola) divenne la visione rappresentativa osservata nei miti giapponesi, la visione bidimensionale del mondo (presente anche nella cultura del sud-est asiatico) era dominante tra la popolazione.

Le prime influenze cinesi sullo Shintō

Il confucianesimo, che ebbe origine in Cina, si ritiene abbia raggiunto il Giappone nel V secolo ce, e dal VII secolo si era diffuso tra la gente, insieme al daoismo e allo yinyang (armonia delle due forze fondamentali della natura). Tutti questi hanno stimolato lo sviluppo degli insegnamenti etici dello Shintō. Con la graduale centralizzazione del potere politico, lo Shintō cominciò a svilupparsi anche come culto nazionale. I miti dei vari clan furono combinati e riorganizzati in una mitologia pan-giapponese con la Casa Imperiale come centro. Il sito kami della casa imperiale e i kami tutelari kami di potenti clan divennero i kami dell’intera nazione e del popolo, e le offerte venivano fatte dallo stato ogni anno. Tali pratiche furono sistematizzate presumibilmente intorno all’inizio delle riforme dell’era Taika nel 645. All’inizio del X secolo, circa 3.000 santuari in tutto il Giappone ricevevano offerte statali. Con il declino del potere del governo centrale, tuttavia, il sistema cessò di essere efficace, e dopo il XIII secolo solo un numero limitato di importanti santuari continuò a ricevere le offerte imperiali. Più tardi, dopo la Restaurazione Meiji nel 1868, il vecchio sistema fu ripreso.

L’incontro con il buddismo

Il buddismo fu introdotto ufficialmente in Giappone nel 552 ce e si sviluppò gradualmente. Nell’VIII secolo emersero tendenze a interpretare lo Shintō da un punto di vista buddista. Shintō kami erano visti come protettori del buddismo; perciò i santuari per i kami furono costruiti all’interno dei recinti dei templi buddisti. I kami sono stati resi equivalenti a devao “divinità”. Secondo gli insegnamenti buddisti, i deva si dice che stiano subendo la stessa sofferenza (dukkha) nel ciclo infinito di morte e rinascita (samsara) che tutte le creature sperimentano. L’aiuto è stato quindi offerto ai kami sotto forma di disciplina buddista. I templi buddisti furono addirittura costruiti all’interno dei recinti dei santuari Shintō, e i sutra (scritture) buddisti venivano letti davanti ai kami. Verso la fine dell’VIII secolo, kami si pensava fossero avatar (incarnazioni) di buddha (individui illuminati che avevano raggiunto la liberazione [mokshadal samsara) e dei bodhisattva (futuri buddha). I nomi dei bodhisattva sono stati dati ai kamie le statue buddiste erano collocate anche nei santuari interni dei santuari Shintō. In alcuni casi, i sacerdoti buddisti erano incaricati della gestione dei santuari Shintō.

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Qual è il ruolo dello Shinto nella società giapponese?

Lo Shinto è una fede ottimista, poiché si pensa che gli esseri umani siano fondamentalmente buoni e che il male sia causato dagli spiriti maligni. Di conseguenza, lo scopo della maggior parte dei rituali scintoisti è quello di tenere lontani gli spiriti maligni attraverso la purificazione, le preghiere e le offerte ai kami.May 23, 2021

Continua…

Come viene praticato lo shintoismo oggi in Giappone?

Oggi lo scintoismo è una delle religioni più praticate in Giappone. … Il popolo giapponese e le sue diverse religioni e credenze continuano a coesistere armoniosamente. Possono partecipare a funerali in un tempio buddista, matrimoni cristiani e feste shintoiste.May 10, 2018

Continua…

Come influisce lo shintoismo sulla vita quotidiana?

Lo scintoismo è la religione originale del Giappone ed è molto presente nella vita quotidiana in molti modi, sia nelle città che nelle campagne. Lo scintoismo è la religione giapponese per questa vita e per tutti i rituali positivi: matrimoni, nascite, buona fortuna in tutto e per tutto.

Continua…

Cos’è lo scintoismo giapponese?

Lo Shinto (letteralmente “la via degli dei”) è il sistema di credenze nativo del Giappone e precede le testimonianze storiche. Le molte pratiche, atteggiamenti e istituzioni che si sono sviluppate per costituire lo Shinto ruotano intorno alla terra e alle stagioni giapponesi e alla loro relazione con gli abitanti umani.

Continua…

Come credono gli scintoisti che il mondo sia stato creato?

Secondo la mitologia scintoista giapponese, all’inizio dei tempi, i cieli e le terre erano mescolati insieme in una grande nuvola. Si dice che la nuvola si sia poi separata; in questo modo le parti più chiare della nuvola si alzarono e crearono il cielo. Le parti più pesanti della nuvola sono scese e sono diventate un oceano di acqua fangosa.

Continua…

Perché lo scintoismo è considerato più un modo di vivere che una religione?

Poiché il rituale piuttosto che la fede è il cuore dello Shinto, i giapponesi di solito non pensano allo Shinto specificatamente come una religione – è semplicemente un aspetto della vita giapponese. Questo ha permesso allo Shinto di coesistere felicemente con il buddismo per secoli.Feb 14, 2021

Continua…

Come lo Shinto vede o riconosce i kami?

Il loro kami protettore è determinato dalla loro relazione con il kami o quella dei loro antenati. Le pratiche ascetiche, i rituali e le cerimonie dei santuari e le feste giapponesi sono i modi più pubblici con cui i devoti dello Shinto celebrano e offrono adorazione ai kami.

Continua…

Dove si pratica lo shintoismo oggi?

Giappone
Lo shintoismo si trova principalmente in Giappone, dove ci sono circa 100.000 santuari pubblici, anche se i praticanti si trovano anche all’estero.

Continua…

Cosa ho imparato sullo scintoismo?

Nello scintoismo, gli dei sono esseri vicini e familiari. Gli dei dello scintoismo sono considerati come guardiani del popolo. Danno consigli di vita o li aiutano un po’ a convivere con la forza brutale della natura. Ci sono alcuni dei che causano il caos, ma la maggior parte degli dei sono pacifici. 9 settembre 2020

Continua…

Perché le isole hanno un ruolo così importante nel mito della creazione giapponese?

Secondo questa leggenda, dopo la creazione del cielo e della terra, gli dei Izanagi e Izanami ebbero il compito di formare una serie di isole che sarebbero diventate l’attuale Giappone. Nella mitologia giapponese, queste isole costituiscono il mondo conosciuto. La creazione del Giappone è seguita dalla creazione degli dei (kamiumi).

Continua…

Cosa significa Shinto?

via degli dei
Shinto, che significa “via degli dei”, è la religione più antica del Giappone.

Continua…

Come viene praticato lo Shinto?

Culto privato e pubblico Sebbene il culto shintoista sia caratterizzato da rituali pubblici e condivisi nei santuari locali, può anche essere un evento privato e individuale, in cui una persona in un santuario (o nella propria casa) prega un particolare kami sia per ottenere qualcosa, sia per ringraziare il kami per qualcosa di buono che è accaduto.16 settembre 2009

Continua…

Chi sono importanti nello shintoismo?

A partire dal XVIII secolo, lo Shinto è stato rilanciato come un’importante religione nazionale attraverso gli scritti e gli insegnamenti di una successione di notevoli studiosi, tra cui Mabuchi, Motoori Norinaga e Hirata Atsutane.

Continua…

Perché lo shintoismo è importante?

Lo scintoismo nella società odierna è rimasto importante perché i giapponesi comprendono il significato delle credenze religiose autoctone, specialmente quando sono sane, convinzioni religiose che sottolineano un forte legame familiare e la pace in tutta la comunità.

Continua…

Cos’è lo scintoismo in Giappone?

Lo Shinto (letteralmente “la via degli dei”) è il sistema di credenze nativo del Giappone e precede le registrazioni storiche. Le molte pratiche, atteggiamenti e istituzioni che si sono sviluppate per costituire lo Shinto ruotano intorno alla terra e alle stagioni giapponesi e alla loro relazione con gli abitanti umani.

Continua…

Articolo precedente

Qual è la funzione della respirazione?

Articolo successivo

Come posso nascondere il mio cesto della biancheria?

You might be interested in …

Fergie fa parte dei Black Eyed Peas?

I membri dei Black Eyed Peas hanno parlato ad una rivista della decisione dell’ex membro della band Fergie di lasciare il gruppo. Leggete per sapere cosa avevano da dire al riguardo. I membri dei Black […]

Cosa significa MDI?

I farmaci respiratori inalati sono spesso presi usando un dispositivo chiamato inalatore a dose dosata, o MDI. L’MDI è una bomboletta pressurizzata di medicina in un contenitore di plastica con un boccaglio. Quando viene spruzzato, […]