25 Gennaio 2022
Expand search form

Perché sono chiamate azioni blue chip?

James Chen, CMT è un esperto trader, consulente d’investimento e stratega del mercato globale. È autore di libri sull’analisi tecnica e sul trading in valuta estera pubblicati da John Wiley and Sons ed è stato ospite come esperto alla CNBC, BloombergTV, Forbes e Reuters tra gli altri media finanziari.

Cos’è una Blue Chip?

Una blue chip è una società riconosciuta a livello nazionale, ben consolidata e finanziariamente solida. Le blue chip generalmente vendono prodotti e servizi di alta qualità e ampiamente accettati. Le aziende blue-chip sono note per resistere alle crisi e operare con profitto di fronte a condizioni economiche avverse, il che aiuta a contribuire al loro lungo record di crescita stabile e affidabile.

Blue Chip

I punti chiave

  • Una blue chip si riferisce ad una società stabilita, stabile e ben riconosciuta.
  • Le azioni blue-chip sono viste come investimenti relativamente più sicuri, con un comprovato track record di successo e crescita stabile.
  • Le azioni blue-chip sono comunque soggette a volatilità e fallimenti, come nel caso del crollo di Lehman Brothers o l’impatto della crisi finanziaria su General Motors.

Capire le blue chip

Il termine “blue chip” è stato usato per la prima volta per descrivere le azioni ad alto prezzo nel 1923, quando Oliver Gingold, un impiegato della Dow Jones, osservò alcuni titoli che venivano scambiati a 200 dollari o più per azione.   I giocatori di poker scommettono in fiche blu, bianche e rosse, con le fiche blu che hanno più valore di quelle bianche e rosse. Oggi, le azioni blue-chip non si riferiscono necessariamente alle azioni con un prezzo elevato, ma più precisamente alle azioni di società di alta qualità che hanno resistito alla prova del tempo.

Un’azione blue-chip è generalmente un componente degli indici o medie di mercato più rinomati, come il Dow Jones Industrial Average, lo Standard & Poor’s (S&P) 500 e il Nasdaq-100 negli Stati Uniti, il TSX-60 in Canada, o l’indice FTSE nel Regno Unito. Quanto grande debba essere un’azienda per qualificarsi come blue-chip è aperto al dibattito. Un punto di riferimento generalmente accettato è una capitalizzazione di mercato di 5 miliardi di dollari, anche se i leader di mercato o di settore possono essere aziende di tutte le dimensioni.  

Un’azienda blue-chip è una multinazionale che è stata in funzione per un certo numero di anni. Pensate ad aziende come Coca-Cola, Disney, PepsiCo, Walmart, General Electric, IBM e McDonald’s, che sono leader dominanti nei loro rispettivi settori. Le aziende blue-chip hanno costruito un marchio rispettabile nel corso degli anni e il fatto che siano sopravvissute a più flessioni dell’economia le rende aziende stabili da avere in un portafoglio.  

Il nome “blue chip” deriva dal gioco del poker in cui le blue chip hanno il valore più alto.

Molti investitori conservatori con un basso profilo di rischio o vicini al pensionamento possono di solito andare per le azioni blue-chip. Questi titoli sono ottimi per la conservazione del capitale e i loro consistenti pagamenti di dividendi non solo forniscono reddito, ma proteggono anche il portafoglio dall’inflazione. Nel suo libro L’investitore intelligenteBenjamin Graham sottolinea che gli investitori conservatori dovrebbero cercare società che hanno costantemente pagato dividendi per 20 anni o più.  

La Dividend Aristocrat List pubblicata da Standard and Poor’s comprende le grandi aziende blue-chip dello S&P 500 che hanno aumentato i dividendi ogni anno negli ultimi 25 anni.  

Caratteristiche delle azioni Blue Chip

Le azioni blue-chip sono viste come investimenti meno volatili che possedere azioni di società senza lo status di blue-chip perché le blue chip hanno uno status istituzionale nell’economia. Le azioni sono altamente liquide poiché sono frequentemente scambiate sul mercato da investitori individuali e istituzionali. Pertanto, gli investitori che hanno bisogno di contanti per un capriccio possono tranquillamente creare un ordine di vendita per le loro azioni sapendo che ci sarà sempre un compratore dall’altra parte della transazione.

Le aziende blue-chip sono anche caratterizzate dall’avere poco o nessun debito, una grande capitalizzazione di mercato, un rapporto debito/patrimonio netto stabile, e un alto rendimento del capitale netto (ROE) e rendimento delle attività (ROA). I solidi fondamentali di bilancio accoppiati con l’alta liquidità hanno fatto guadagnare a tutte le azioni blue-chip il rating di obbligazioni investment-grade. Mentre il pagamento dei dividendi non è assolutamente necessario perché un’azione sia considerata una blue chip, la maggior parte delle blue chip ha una lunga storia di pagamento di dividendi stabili o in aumento.

Un investitore può seguire la performance delle azioni blue-chip attraverso un indice blue-chip, che può anche essere usato come indicatore della performance dell’industria o dell’economia. La maggior parte delle azioni blue-chip quotate in borsa sono incluse nel Dow Jones Industrial Average (DJIA), uno degli indici blue-chip più popolari. Anche se i cambiamenti apportati all’indice DJIA sono rari, un investitore che segue le blue-chip dovrebbe sempre monitorare il DJIA per rimanere aggiornato su eventuali cambiamenti apportati.  

Sicurezza delle azioni blue-chip

Mentre una società blue-chip può essere sopravvissuta a diverse sfide e cicli di mercato, portandola ad essere percepita come un investimento sicuro, questo potrebbe non essere sempre il caso. I fallimenti di General Motors e Lehman Brothers, così come una serie di importanti banche europee durante la recessione globale del 2008, è la prova che anche le migliori aziende possono lottare durante periodi di stress estremo.  

Mentre le azioni blue-chip sono appropriate per essere utilizzate come partecipazioni di base all’interno di un portafoglio più ampio, generalmente non dovrebbero essere l’intero portafoglio. Un portafoglio diversificato di solito contiene una certa allocazione alle obbligazioni e alla liquidità. All’interno dell’allocazione di un portafoglio in azioni, un investitore dovrebbe considerare di possedere anche mid-cap e small-cap.

Gli investitori più giovani possono generalmente tollerare il rischio che deriva dall’avere una maggiore percentuale dei loro portafogli in azioni, comprese le blue chip, mentre gli investitori più anziani possono scegliere di concentrarsi maggiormente sulla conservazione del capitale attraverso maggiori investimenti in obbligazioni e contanti.

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Perché le azioni blue-chip sono chiamate blue-chip?

Il termine “blue chip” deriva dal gioco del poker, dove le blue chip sono i pezzi di maggior valore. Una società deve essere ben conosciuta, consolidata e ben capitalizzata per essere una blue chip. L’appartenenza a certi indici azionari è importante per determinare lo status di blue chip.

Continua…

Cosa significa blue-chip stock in azioni?

Una blue-chip stock è una grande azienda con una reputazione eccellente. Queste sono tipicamente grandi, ben consolidate e finanziariamente solide aziende che hanno operato per molti anni e che hanno guadagni affidabili, spesso pagando dividendi agli investitori. … Alcuni esempi di azioni blue-chip sono IBM Corp.

Continua…

Qual è la differenza tra un’azione normale e una blue-chip?

Una grande differenza tra le blue chip e le azioni in crescita è il loro uso del dividendo, che è un pagamento che le società fanno agli azionisti dai loro profitti. Le azioni blue chip di solito forniscono dividendi regolari, e questi dividendi vedono una crescita costante nel tempo.

Continua…

Apple è una blue-chip stock?

Le aziende blue-chip di solito hanno grandi capitali di mercato, forti bilanci e una storia solida. Alcuni esempi di azioni blue-chip sono Microsoft Corporation (NASDAQ: MSFT), Apple Inc. (NASDAQ: AAPL), Amazon.com, Inc. (NASDAQ: AMZN), The Coca-Cola Company (NYSE: KO), e The Walt Disney Company (NYSE: DIS).9 agosto 2021

Continua…

Le blue-chip sono un buon investimento?

Le azioni blue-chip sono considerate opzioni di investimento sicure in quanto possono sopportare flessioni economiche e non sono altamente volatili. Presentano anche un potenziale di crescita lento ma moderato. Si tratta tipicamente di titoli che pagano dividendi e il cui pagamento viene effettuato trimestralmente.Oct 5, 2021

Continua…

Che cosa significa bluechip?

Una blue chip è una società riconosciuta a livello nazionale, ben consolidata e finanziariamente solida. … Le aziende blue-chip sono note per resistere alle crisi e operare con profitto di fronte a condizioni economiche avverse, il che aiuta a contribuire al loro lungo record di crescita stabile e affidabile.

Continua…

Disney è una blue chip stock?

Hai guardato Disney da ogni angolazione. È un’azione blue-chip con una storia solida. Ma ci sono ancora dei rischi nel comprare le sue azioni. Le azioni individuali sono sempre investimenti più rischiosi rispetto alle opzioni diversificate come i fondi comuni di indice o i fondi negoziati in borsa.10 agosto 2021

Continua…

DHL è una società blue chip?

Il gruppo Deutsche Post DHL sale nel principale indice di blue-chip europeo, lo STOXX Europe 50. … L’amministratore delegato Frank Appel: “L’inclusione di Deutsche Post AG nello STOXX Europe 50 è un notevole riconoscimento dell’eccezionale performance del nostro gruppo basata sul lavoro dedicato di 570.000 dipendenti in tutto il mondo. “2 settembre 2021

Continua…

Vale la pena investire in blue chip?

Poiché le aziende blue chip sono relativamente stabili, le azioni blue chip sono considerate un investimento a basso rischio. Con ogni probabilità, qualunque cosa accada domani, le aziende più affermate nel settore bancario o immobiliare non crollerebbero da un giorno all’altro, quindi investire in loro è una scommessa relativamente sicura.

Continua…

Quali sono i titoli di blue chip che pagano i dividendi più alti?

I migliori titoli di dividendo delle blue chip del 2021Nome della societàCapitalizzazione di mercatoRendimento del dividendoApple (NASDAQ:AAPL)$2,06 trilioni0,7%Corning (NYSE:GLW)$37 miliardi2,1%Nike (NYSE:NKE)$212 miliardi0,8%NextEra Energy (NYSE:NEE)$143 miliardi2%1 altra fila-20 agosto 2021

Continua…

I fondi blu-chip sono rischiosi?

Rischio e rendimenti Le azioni blu-chip sono considerate opzioni di investimento sicure, in quanto possono sopportare flessioni economiche e non sono altamente volatili.Oct 5, 2021

Continua…

Il fondo blue-chip è rischioso?

Le azioni di un fondo blue-chip sono in aziende che hanno generato alti rendimenti per i loro investitori per molti anni. Le loro vendite generano buoni rendimenti per gli investitori. Inoltre, il rischio con tali fondi è basso. La capitalizzazione di mercato dei fondi blue-chip è molto alta.

Continua…

Quali sono i 4 tipi di azioni?

4 tipi di azioni che tutti devono possedereAzioni di crescita. Queste sono le azioni che si acquistano per la crescita del capitale, piuttosto che per i dividendi. … Dividendo, ovvero azioni di rendimento. … Nuovi numeri. … Azioni difensive. … Strategia o Stock Picking? 4 maggio 2016

Continua…

Quanto rendono le azioni blue chip?

Le migliori blue chip con dividendo del 2021Nome della societàCapitalizzazione di mercato2020 Total ReturnApple (NASDAQ:AAPL)$2.06 trilioni82%Corning (NYSE:GLW)$37 miliardi28%Nike (NYSE:NKE)$212 miliardi41%NextEra Energy (NYSE:NEE)$143 miliardi30%1 altra riga – 20 agosto 2021

Continua…

I fondi bluechip sono sicuri?

Le azioni blue-chip sono considerate opzioni di investimento sicure, in quanto possono sopportare flessioni economiche e non sono altamente volatili. Presentano anche un potenziale di crescita lento ma moderato. Si tratta tipicamente di titoli che pagano dividendi e il cui pagamento viene effettuato trimestralmente.Oct 5, 2021

Continua…

Articolo precedente

Qual è lo strumento più basso della famiglia degli archi?

Articolo successivo

Qual è la forma congiuntiva di IR?

You might be interested in …

Cos’è la codifica eclettica?

Cos’è la codifica eclettica? Codifica eclettica. Impiega una combinazione mirata e compatibile di due o più metodi di codifica del primo ciclo, con la consapevolezza che la scrittura di memorie analitiche e i secondi cicli […]