27 Gennaio 2022
Expand search form

Perché fu costruita la via della seta?

La Via della Seta era una rete di rotte commerciali che collegava la Cina e l’Estremo Oriente con il Medio Oriente e l’Europa. Fondata quando la dinastia Han in Cina aprì ufficialmente il commercio con l’Occidente nel 130 a.C., le rotte della Via della Seta rimasero in uso fino al 1453 d.C., quando l’impero ottomano boicottò il commercio con la Cina e le chiuse. Anche se sono passati quasi 600 anni da quando la Via della Seta è stata utilizzata per il commercio internazionale, le rotte hanno avuto un impatto duraturo sul commercio, la cultura e la storia che risuona ancora oggi.

Strada Reale

La Via della Seta potrebbe aver formalmente aperto il commercio tra l’Estremo Oriente e l’Europa durante la dinastia Han, che governò la Cina dal 206 a.C. al 220 d.C. L’imperatore Han Wu inviò l’inviato imperiale Zhang Qian a prendere contatto con le culture dell’Asia centrale nel 138 a.C., e i resoconti dei suoi viaggi fornirono preziose informazioni sui popoli e sulle terre che si trovavano a ovest. Ma il trasporto di beni e servizi lungo queste rotte risale ancora più indietro.

La Strada Reale, che collegava Susa (nell’attuale Iran) a più di 1.600 miglia a ovest fino a Sardi (vicino al Mar Mediterraneo nell’attuale Turchia), fu stabilita dal sovrano persiano Dario I durante l’impero achemenide, circa 300 anni prima dell’apertura della Via della Seta.

Raccomandato per voi

Po’Pay: L’eroe Pueblo poco conosciuto che guidò la prima rivoluzione americana

Storia delle Olimpiadi invernali

I Chicago Bears battono i Philadelphia Eagles in uno strano Fog Bowl

I persiani hanno anche ampliato la strada reale per includere percorsi più piccoli che collegavano la Mesopotamia al subcontinente indiano, nonché l’Africa settentrionale attraverso l’Egitto.

Alessandro il Grande, sovrano dell’antico regno greco di Macedonia, espanse il suo dominio in Persia attraverso la Strada Reale. Parti di questa strada furono infine incorporate nella Via della Seta.

Storia della Via della Seta

Le rotte commerciali est-ovest tra la Grecia e la Cina iniziarono ad aprirsi durante il primo e il secondo secolo a.C. Anche l’impero romano e l’impero Kushan (che governava il territorio dell’attuale India settentrionale) beneficiarono del commercio creato dal percorso lungo la Via della Seta.

È interessante notare che l’antica parola greca per la Cina è “Seres”, che letteralmente significa “la terra della seta”.

Tuttavia, nonostante questo ovvio legame con il nome, il termine “Via della Seta” non fu coniato fino al 1877, quando il geografo e storico tedesco Ferdinand von Richthofen lo usò per la prima volta per descrivere le rotte commerciali.

Gli storici ora preferiscono il termine “Vie della seta”, che riflette più accuratamente il fatto che c’era più di una via di comunicazione.

La Via della Seta verso la Cina

Le rotte della Via della Seta comprendevano una vasta rete di stazioni commerciali, mercati e vie di comunicazione situate in posizioni strategiche, progettate per ottimizzare il trasporto, lo scambio, la distribuzione e lo stoccaggio delle merci.

Le rotte si estendevano dalla metropoli greco-romana di Antiochia attraverso il deserto siriano via Palmira fino a Ctesifonte (la capitale partica) e Seleucia sul fiume Tigri, una città mesopotamica nell’odierno Iraq.

Da Seleucia, le rotte passavano verso est attraverso i monti Zagros fino alle città di Ecbatana (Iran) e Merv (Turkmenistan), da cui altre rotte attraversavano l’odierno Afghanistan e verso est in Mongolia e Cina.

Le rotte della Via della Seta portavano anche ai porti del Golfo Persico, dove le merci venivano poi trasportate lungo i fiumi Tigri ed Eufrate.

Le rotte da queste città si collegavano anche ai porti lungo il Mar Mediterraneo, da cui le merci venivano spedite alle città dell’Impero Romano e in Europa.

Cintura economica della Via della Seta

Anche se il nome “Via della Seta” deriva dalla popolarità della seta cinese tra i commercianti dell’Impero Romano e altrove in Europa, il materiale non era l’unica esportazione importante dall’Oriente all’Occidente.

Il commercio lungo la cosiddetta cintura economica della Via della Seta comprendeva frutta e verdura, bestiame, grano, cuoio e pelli, utensili, oggetti religiosi, opere d’arte, pietre e metalli preziosi e, forse più importante, lingua, cultura, credenze religiose, filosofia e scienza.

Merci come la carta e la polvere da sparo, entrambe inventate dai cinesi durante la dinastia Han, hanno avuto un impatto evidente e duraturo sulla cultura e la storia dell’Occidente. Erano anche tra gli articoli più scambiati tra l’Oriente e l’Occidente.

La carta fu inventata in Cina durante il III secolo a.C., e il suo uso si diffuse attraverso la Via della Seta, arrivando prima a Samarcanda intorno al 700 d.C., prima di spostarsi in Europa attraverso i porti islamici di Sicilia e Spagna.

Naturalmente, l’arrivo della carta in Europa favorì un significativo cambiamento industriale, con la parola scritta che divenne per la prima volta una forma chiave di comunicazione di massa. L’eventuale sviluppo della pressa da stampa di Gutenberg permise la produzione di massa di libri e, più tardi, di giornali, che permisero un più ampio scambio di notizie e informazioni.

Spezie della Via della Seta

Inoltre, le ricche spezie dell’Oriente divennero rapidamente popolari in Occidente e cambiarono la cucina in gran parte dell’Europa.

Allo stesso modo, le tecniche di fabbricazione del vetro migrarono verso est in Cina dal mondo islamico.

Le origini della polvere da sparo sono meno note, anche se ci sono riferimenti a fuochi d’artificio e armi da fuoco in Cina già nel 600. Gli storici ritengono che la polvere da sparo sia stata effettivamente esportata lungo le rotte della Via della Seta verso l’Europa, dove è stata ulteriormente raffinata per essere usata nei cannoni in Inghilterra, Francia e altrove nel 1300.

Gli stati-nazione che vi avevano accesso avevano evidenti vantaggi in guerra, e così l’esportazione della polvere da sparo ebbe un enorme impatto sulla storia politica dell’Europa.

Esplorazione verso est

Le rotte della Via della Seta aprirono anche mezzi di passaggio per gli esploratori che cercavano di capire meglio la cultura e la geografia dell’Estremo Oriente.

L’esploratore veneziano Marco Polo usò notoriamente la Via della Seta per viaggiare dall’Italia alla Cina, che allora era sotto il controllo dell’impero mongolo, dove arrivò nel 1275.

In particolare, non viaggiarono in barca, ma piuttosto in cammello seguendo percorsi via terra. Arrivarono a Xanadu, il sontuoso palazzo estivo dell’imperatore mongolo Kublai Khan.

In tutto, l’esploratore trascorse 24 anni in Asia, lavorando alla corte di Kublai Khan, forse come esattore delle tasse.

Articolo precedente

Cosa significa avere un basso punteggio di credito?

Articolo successivo

La pietra ollare contiene amianto?

You might be interested in …

Chi possiede Katzs?

Come fa un’azienda di 129 anni a rimanere giovane? Metti un ventenne al comando. Jake Dell, 29 anni, è il proprietario di terza generazione del Katz’s Delicatessen di New York, il famoso fornitore di panini […]

Cosa significa Agnello Gwen Stefani?

Siamo nel 2021 e desideriamo ancora possedere una borsa L.A.M.B. – ma che fine ha fatto il marchio? La cantautrice Gwen Stefani ha lanciato la sua linea di moda chiamata L.A.M.B. nel 2003, dopo una […]