20 Maggio 2022
Expand search form

Le persone con Alzheimer possono imparare cose nuove?

Qualcuno con Alzheimer può imparare qualcosa di nuovo?

È possibile, creando un ambiente di nuove esperienze di apprendimento, aumentare la dimensione funzionale del cervello di una persona con Alzheimer?

Di Susan Saldibar

Oggi, come tutti sappiamo, non esiste ancora una cura per il morbo di Alzheimer. Ma è possibile, creando un ambiente di nuove esperienze di apprendimento, aumentare la dimensione funzionale del cervello di qualcuno con l’Alzheimer? È questa domanda che ha portato Jean Makesh, CEO di Lantern Lifestyle, a creare un ambiente unico di “apprendimento” nelle sue tre comunità di vita assistita/cura della memoria nella zona di Cleveland (Madison, Chagrin Valley e Saybrook).

Steve Moran si è seduto per un podcast “Conversazioni” con Jean al Senior Living Innovation Forum a Napa all’inizio di quest’anno. (Anche se il podcast ha preso una direzione diversa, abbiamo voluto condividere questa intervista). Hanno chiacchierato dell’approccio unico di Jean al trattamento dei residenti anziani di Lantern. È piuttosto “strabiliante”, come lo chiama Steve. Ed è molto simile alla nozione tradizionale di cura della memoria.

Pensate al cervello come a un muscolo. Poi fate delle cose per ingrandirlo.

Ci sono due programmi utilizzati a Lantern. Il primo, chiamato JIVE, è usato nella comunità di vita assistita di Lantern. Il suo obiettivo è quello di aiutare a ritardare l’insorgenza dei sintomi della malattia di Alzheimer. Ma è stato il secondo programma, chiamato Svayus, che ha davvero attirato l’attenzione di Steve. “Attraverso il programma Svayus guardiamo a tutto ciò che possiamo fare, attraverso la ristrutturazione cognitiva, la riformattazione cognitiva, le attività e gli esercizi che possono espandere la dimensione funzionale del cervello umano”, spiega Jean.

Steve ha chiesto a Jean di spiegare come funziona. Cosa possono fare i fornitori di cure assistite e di assistenza alla memoria per i loro residenti, in termini di programmi ed esercizi per aiutare a espandere le dimensioni funzionali del loro cervello? Bisogna iniziare, secondo Jean, pensando al cervello come a un muscolo, che può diventare più grande con l’esercizio.

“Cosa fanno i culturisti? Non usano la stessa quantità di peso ogni giorno. Non seguono la stessa routine ogni giorno”, spiega Jean. L’idea è di esporre il cervello a un nuovo apprendimento, come si potrebbe esporre un muscolo a una nuova routine più impegnativa.

Inoltre, come un muscolo, può anche causare un po’ di disagio in quanto lo specializzando sta imparando qualcosa con cui non è innatamente familiare. Ma fa lavorare quei “muscoli” per cominciare ad espandere la capacità funzionale in nuove aree.

Wow, questa è una partenza sorprendente dal normale approccio “mantieni la calma e non agitarti”, come Steve è stato veloce a sottolineare. Jean lo riconosce, ma crede che gran parte dell’ansia e dell’agitazione sperimentata dalle persone con Alzheimer sia causata da fattori esterni. Ha indicato il design biofilico dell’edificio della Lanterna e come hanno creato spazi che riducono al minimo il conflitto e richiedono meno lavoro per il cervello per elaborare l’ambiente.

Jean crede molto nel dare speranza alle persone. Crede fermamente che Svayus aiuti a farlo.

Molto bello. Ma il programma funziona? Sì! Anche se Jean riconosce che è difficile ottenere metriche concrete sul successo dei programmi, soprattutto perché non hanno avuto un residente con la sola malattia di Alzheimer. In genere, nel momento in cui sviluppano l’Alzheimer, hanno sviluppato altre condizioni comorbide che possono influenzare il processo della malattia. Eppure, Jean e i suoi colleghi sono incoraggiati da ciò che stanno trovando. “Abbiamo avuto un residente che ha riacquistato la capacità di fare il bagno da solo. Questo è enorme!”, dice Jean. Ritiene che i programmi siano stati anche responsabili di mantenere i residenti in piedi e fuori dalla sedia a rotelle più a lungo.

Ma alla fine della giornata, Jean dice che si tratta sempre di speranza. La gente mi chiede di cosa mi occupo e io dico sempre: “Mi occupo di dare speranza alle persone”, dice Jean a Steve. “Perché, se non abbiamo speranza, non c’è niente per cui lavorare. E ogni volta che ci viene detto che non c’è niente che si possa fare per gli anziani o per qualcuno con l’Alzheimer, ci toglie la motivazione per essere coinvolti e fare qualsiasi cosa umanamente possibile per aiutare quegli individui”.

È difficile non essere d’accordo con questo. Cosa ne pensate? Forse è il momento di un nuovo pensiero.

Come potete immaginare, il podcast contiene molti più dettagli su Svayus e sulla filosofia di cura di Jean, insieme ad aneddoti e osservazioni più personali. Vale sicuramente la pena di guardarlo!

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Una persona con demenza può imparare nuove abilità?

L’efficacia della EL è molto rilevante per la pratica clinica perché dimostra che gli individui con demenza sono ancora in grado di acquisire competenze significative e impegnarsi in attività utili, che possono potenzialmente aumentare la loro autonomia e indipendenza, e in definitiva la loro qualità di vita, nonché ridurre …13 settembre 2013

Continua…

Una persona con Alzheimer può cambiare il suo testamento?

La persona che vive con la demenza mantiene il diritto di prendere le proprie decisioni finché ha la capacità giuridica. La procura non dà all’agente l’autorità di scavalcare il processo decisionale del mandante finché la persona con demenza non ha più la capacità giuridica.

Continua…

I pazienti affetti da demenza possono creare nuovi ricordi?

Le persone nelle prime fasi della malattia di Alzheimer e di altre demenze spesso hanno difficoltà a ricordare eventi recenti, ma i ricordi dei primi anni di vita possono rimanere. Purtroppo, il morbo di Alzheimer prende gradualmente anche questi ricordi.

Continua…

I malati di Alzheimer possono capire?

Inoltre, la malattia di Alzheimer fa sì che alcune persone si confondano con il linguaggio. Per esempio, la persona potrebbe dimenticare o non capire più l’inglese se è stato imparato come seconda lingua. Invece, lui o lei potrebbe capire e usare solo la prima lingua imparata, come lo spagnolo.

Continua…

I pazienti affetti da demenza sanno di essere confusi?

Nelle prime fasi, la perdita di memoria e la confusione possono essere lievi. La persona con demenza può essere consapevole – e frustrata – dei cambiamenti in atto, come la difficoltà a ricordare eventi recenti, prendere decisioni o elaborare ciò che è stato detto da altri.

Continua…

Perché i pazienti con demenza ricordano alcune cose e non altre?

La migliore spiegazione è che l’Alzheimer colpisce prima i ricordi recenti, debilitando la ritenzione di nuove informazioni. I ricordi dell’infanzia o di molto tempo fa sono ben codificati poiché la persona ha avuto più tempo per elaborare e ricordare eventi specifici.Nov 21, 2018

Continua…

Una persona con demenza sa di averla?

Una persona con demenza sa di averla? Le famiglie spesso chiedono “i pazienti con demenza sono consapevoli della loro condizione?” In alcuni casi, la risposta breve è no, non sono consapevoli di avere la demenza o l’Alzheimer.Aug 28, 2021

Continua…

L’apprendimento aiuta l’Alzheimer?

Gli studi hanno dimostrato che le persone che utilizzano maggiormente il loro cervello attraverso l’approfondimento del linguaggio tendono ad avere tassi più bassi di demenza e problemi di memoria più tardi nella vita, indipendentemente dai livelli di istruzione, dal sesso o dall’occupazione.21 maggio 2019

Continua…

Cosa ricordano i malati di Alzheimer?

Quando la persona raggiunge le ultime fasi della demenza, è probabile che abbia una significativa perdita di memoria e difficoltà cognitive. I ricordi recenti possono essere persi completamente (per esempio, cosa hanno mangiato a colazione o quando hanno visto un amico l’ultima volta) e possono ricordare solo parti di ricordi passati.Oct 1, 2021

Continua…

I malati di Alzheimer parlano da soli?

I pazienti con il morbo di Alzheimer spesso parlano di se stessi, dei loro bisogni e delle loro preoccupazioni, in risposta alle domande.

Continua…

Si può cambiare un testamento senza che l’esecutore lo sappia?

Tecnicamente parlando, la risposta è no. Sia che abbiate scelto di scrivere un codicillo o un nuovo testamento, sono considerati validi fintanto che vengono seguite le formalità della scrittura del testamento. Questi requisiti includono la firma del testamento in presenza di due testimoni, che devono anche firmare il documento in vostra presenza.Jun 16, 2020

Continua…

Una persona con demenza può modificare un trust?

La legge della California sostiene anche che le semplici modifiche del trust seguono gli stessi requisiti di capacità dei testamenti. Per questo motivo, una persona con demenza potrebbe creare una semplice modifica del Trust, purché abbia abbastanza capacità di creare un Testamento.Feb 28, 2018

Continua…

Perché le persone con Alzheimer dimenticano le cose?

La principale causa alla base della perdita di memoria e della confusione è il danno progressivo alle cellule cerebrali causato dal morbo di Alzheimer. Mentre i farmaci attuali non possono fermare il danno che l’Alzheimer causa alle cellule cerebrali, possono aiutare a diminuire i sintomi per un tempo limitato.

Continua…

A cosa pensano i malati di demenza?

Una persona con demenza si sente confusa sempre più spesso. Quando non può dare un senso al mondo o sbagliare qualcosa, può sentirsi frustrato e arrabbiato con se stesso. Può arrabbiarsi o arrabbiarsi con altre persone molto facilmente. Potrebbero non essere in grado di dire perché.

Continua…

Perché i malati di demenza nascondono le cose?

Le persone con demenza possono essere spinte a cercare o rovistare per qualcosa che credono manchi. Per esempio, gli individui possono accumulare oggetti per paura di averne “bisogno” un giorno. Gli individui possono iniziare a nascondere gli oggetti quando non sono più in grado di riconoscere le persone che li circondano.

Continua…

Articolo precedente

Si può ancora usare un’asciugatrice che cigola?

Articolo successivo

La 101 a Phoenix è chiusa?

You might be interested in …

Cos’è il vello di carbone di bambù?

L’uso della fibra infusa di carbone di bambù è una tendenza emergente nell’industria della moda in quanto i produttori cercano di combinare la moda con la funzione. Il tessuto di carbone di bambù viene creato […]

Come si proteggono le rane?

La rana della pioggia comune, conosciuta anche come Breviceps adspersus o rana della pioggia del Bushveld, è una delle almeno 19 specie di rane della pioggia. Questa rana preferisce vivere nelle zone sabbiose e secche […]