20 Maggio 2022
Expand search form

Le Cortez sono scarpe da gangster?

Il giro di vite dell’amministrazione Trump sulla banda criminale internazionale MS-13 ha portato a centinaia di arresti nella Long Island di New York, dove lo stesso presidente ha tenuto un controverso discorso incoraggiando dure tattiche di polizia. Secondo i sostenitori, gli studenti immigrati della zona sono stati coinvolti nella frenesia, venendo sospesi e arrestati sulla base di “deboli accuse” di affiliazione alla banda. WNYC, la stazione radiofonica pubblica locale, ha riferito che uno degli attributi che possono far etichettare gli adolescenti come membri di una gang sono le scarpe da ginnastica Nike Cortez.

I marchi di scarpe, come altri elementi dell’abbigliamento di strada, sono stati a lungo associati alle bande, quindi la polizia presta molta attenzione alle calzature dei sospetti, come fanno le bande stesse. A giugno, un gruppo di membri di una gang ha picchiato due uomini nel Maryland perché credevano che uno di loro fosse affiliato a una fazione rivale, grazie alle sue scarpe da ginnastica Cortez. Un altro uomo è stato colpito a luglio per lo stesso motivo. In America Centrale, dove la violenza delle gang ha raggiunto livelli devastanti, indossare il famoso modello 1972 di Nike, Adidas Superstar o scarpe Puma può farti uccidere.

L’infame storia della Nike Cortez

Il Cortez ha una lunga storia di legami famigerati. Secondo Ronald “Cook” Barrett, un esperto di prevenzione delle gang di Albany, l’adozione da parte della MS-13 della scarpa come “identificatore” fa parte delle origini della gang sulla costa occidentale. La MS-13 ha iniziato negli anni ’80 a Los Angeles, che ha visto un afflusso di salvadoregni in fuga dalla guerra civile del loro paese. La banda ha portato una forma di protezione in un paesaggio pieno di gruppi criminali. Una grande influenza per la MS-13 era la mafia messicana locale, i cui membri sfoggiavano Cortez e pantaloni cachi, dice Barett.

Secondo la tradizione urbana – che cambia costantemente, dice Barrett – le bande messicane hanno assunto il Cortez come parte della loro uniforme a causa del capitolo della storia del Messico che ha ispirato il nome della sneaker: la conquista dell’impero azteco da parte di Hernan Cortés, il famigerato conquistador spagnolo.

Il difficile mondo delle sneakers dietro le sbarre

Probabilmente non troverete le Nike Cortez dietro le sbarre in America. Nella maggior parte delle prigioni, i detenuti ricevono scarpe che i detenuti spesso lamentano come scomode e poco sicure. A volte, come descrive Kenneth Foster, un detenuto in Texas su Prison Writers, un sito web che pubblica il lavoro dei detenuti, i più attenti alla moda “marchiano” le loro scarpe dall’aspetto blando: “Se si guarda abbastanza da vicino sulle scarpe Riddell o New Balance [solo disponibili], si possono trovare i loghi Jordan, Nike o Fila dipinti sopra.

Nel 2008, il New York City Department of Corrections (DOC) ha vietato per un certo periodo le scarpe personali nelle sue carceri per ridurre le lotte per le scarpe da ginnastica di marca, rilasciando invece slip-on economici, i cosiddetti “Air Patakis” dal nome dell’ex governatore dello stato. Ma le lotte per le scarpe da ginnastica – note per essere mortali nel mondo esterno – non spiegano completamente perché il dipartimento vieta solo certi tipi di scarpe sportive di marca, e ne permette altri.

Rikers Island, la famigerata prigione di New York, ha istruzioni molto specifiche sul tipo di calzature

i detenuti possono ottenere dall’esterno da indossare per le date del tribunale e le occasioni familiari (alcuni detenuti indossano abiti di strada, a seconda del livello di sicurezza), secondo il sito web del dipartimento. Le scarpe da ginnastica non possono essere New Balance, Nike, Adidas, o le Converse All-Stars high top conosciute come “Chuck Taylors”.

“Per generazioni, le bande hanno usato l’abbigliamento sportivo, i berretti e i loghi per rappresentare le loro fazioni o bande”, dice Barrett. “È usato per l’intimidazione e per il reclutamento”. Vietare certi marchi è “un modo proattivo per sopprimere questo e cercare di evitare che diventi un problema in una struttura”, dice. In risposta alle domande di Quartz sulle distinzioni di marca, DOC ha detto solo che era la loro politica di fornire uniformi.

Naturalmente, c’è quasi sempre un modo per mostrare la propria lealtà, anche quando i loghi del marchio o della squadra sono inaccessibili. A Rikers, può essere arrotolare il polsino o la manica sinistra o destra dei pantaloni della tua uniforme, mettere una bandana in una certa tasca, tirare il passante della cintura da un lato o dall’altro.

Cercare di individuare questi identificatori è una “battaglia costante”, ha detto Barrett.

Il mondo in continua evoluzione degli identificatori di gang

Come fanno certe scarpe ad essere identificate con una gang o un’altra? Le bande diventano piuttosto creative, impregnando i marchi di significato. Negli anni ’90, molti membri della gang dei Bloods indossavano le Reebok, che per loro significava “Respect Each and Every Blood, OK? Adidas, d’altra parte, era intesa come un insulto verso i Bloods, che venivano chiamati “slobs”: “All Day I Disrespect Slobs”, mentre le scarpe FILA erano le scarpe preferite dalla gang Folk Nation e stavano per: “Folks In Love Always”.

La Reebok, in collaborazione con il rapper Kendrick Lamar, cercò effettivamente di mandare un messaggio unificante facendo uscire dei modelli di sneaker che avevano sia elementi rossi che blu, i colori dei Bloods e Crips, le bande più famose d’America.

A partire dai primi anni 2000, quei colori e gli identificatori stabiliti sarebbero diventati meno prevalenti, dice Barrett. I membri delle bande volevano evitare il controllo della polizia, e l’ostentazione fiammeggiante dell’orgoglio delle bande è diminuita. Divenne più sottile, con una sottile torsione nei capelli, o un elastico posizionato strategicamente. A New York, egli attribuisce questo a un giro di vite sulle bande con le leggi federali sul racket che sono state progettate per combattere il crimine organizzato tradizionale.

Oggi, il panorama delle gang è cambiato e, in generale, può essere difficile per le forze dell’ordine tenere il passo. Le bande, non più imprese centralizzate, operano in modo molto più diffuso, con una proliferazione di piccoli gruppi “ibridi”. I membri usano i social media per connettersi e dichiarare le loro fedeltà. Gli identificatori rimangono, ma “cambiano come il tempo”, dice Barrett. Per esempio, secondo la WUSA, l’affiliata della CBS a Washington DC, i membri dell’MS-13 della zona non indossano più scarpe da ginnastica Cortez. Ora le loro scarpe sono Adidas.

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Quali sono le scarpe più gangster?

La scarpa più gangster della storia: Nike Cortez. Quando si parla dei modelli Nike “preferiti di tutti i tempi”, la conversazione di solito ruota intorno ai pezzi grossi. L’Air Max, l’Air Force 1 o l’Air Jordan.Feb 7, 2019

Continua…

I Crips indossano le Cortez?

“È usato per l’intimidazione ed è usato per il reclutamento”. Il Cortez non è l’unica sneaker con un’involontaria affiliazione alla gang. … Nei primi anni ’00, i Crips presero a indossare la classica scarpa e trasformarono Adidas in un acronimo per “All Day I Disrespect All Slobs” tra i membri della gang.Sep 29, 2017

Continua…

Che tipo di scarpe indossano i Crips?

A volte “crip” era scritto sulle loro scarpe da tennis Converse. Erano preferite le tute da jogging Fila, le felpe Adidas con i coperchi (tappi) e le giacche di squadre sportive professionali con i nomi delle squadre di Los Angeles.Aug 27, 2021

Continua…

Che tipo di scarpe sono le Cortez?

Originariamente rilasciata nel 1972, la Nike Cortez è stata la prima scarpa da corsa “moderna”, progettata dall’allenatore olimpico Bill Bowerman. È stato creato per essere una scarpa da corsa confortevole che aiutava nelle lunghe distanze e nei terreni accidentati ed è stato lanciato per la prima volta durante le Olimpiadi del 1972.Oct 5, 2015

Continua…

Perché i Cholos indossano le Cortez?

Significava che ascoltavi musica West Coast oldies, funk e rap. Indossare Cortez nel mio quartiere significava che facevi parte della cultura lowrider e parte di un circolo interno che si ribellava alla società. Los Angeles ha abbracciato la scarpa negli anni ’80 a causa della semplicità ma audacia del design.Jun 1, 2017

Continua…

Perché ai messicani piacciono le Cortez?

Ogni gang di Los Angeles indossava le Nike Cortez. Che tu fossi afroamericano, centroamericano o messicano. Le Nike Cortez erano popolari perché avevano un aspetto intimidatorio quando le vedevi. … La polizia di Los Angeles poteva facilmente identificarti a causa delle tue scarpe da ginnastica.Feb 23, 2021

Continua…

Chi è Cortez in Nike?

Così Blue Ribbon Sports rinominò la scarpa come “Cortez”. Questo nome è stato presumibilmente scelto dopo Hernan Cortés che ha sconfitto gli Aztechi. (Alla faccia tua Adidas!) La TG-24 Cortez è diventata un bestseller istantaneo e ha continuato a diventare la scarpa numero 1 più venduta nella storia di Blue Ribbon Sports e Onitsuka Tiger.Jul 23, 2018

Continua…

Puoi indossare Nike Cortez a scuola?

“La merda non finirà bene se ti compro quelle scarpe”. Le scuole hanno finito per vietare le scarpe da ginnastica più o meno nel periodo in cui la mamma di Spanto non gli permetteva di indossarle. Dice che ogni capo d’abbigliamento in bianco e nero – l’attrezzatura dei Raiders e dei Kings e le Nike Cortez in nylon bianco e nero – finì per non essere permesso.Aug 30, 2017

Continua…

È OK per indossare Nike Cortez?

È sicuro da indossare di nuovo. Nessuno ti salterà addosso per aver indossato la sneaker. Hai persone di tutti i ceti sociali che indossano la Cortez. Ora, la Cortez significa solo la cultura di Los Angeles, ed è per questo che la indossiamo.Feb 23, 2021

Continua…

Perché Nike si chiama Cortez?

Questo nome era basato sull’antica storia messicana e sull’impero azteco. Ma presto hanno avuto dei problemi legali perché questo nome era troppo vicino alla scarpa da corsa Adidas Azteca Gold. Così Blue Ribbon Sports rinominò la scarpa come “Cortez”. Questo nome è stato presumibilmente scelto dopo Hernan Cortés che ha sconfitto gli Aztechi.Jul 23, 2018

Continua…

Perché i cholos sono chiamati cholos?

La sottocultura cholo ha avuto origine nelle bande di strada del barrio (quartiere) della California meridionale. … Lo slang dei cholo, un amalgama di parole spagnole e inglesi, si chiama Caló, un termine derivato dallo slang dei Rom (zingari) spagnoli e portoghesi, il cui dialetto si chiama Caló.

Continua…

Perché Nike ha chiamato il Cortez?

Questo nome era basato sull’antica storia messicana e sull’impero azteco. Ma presto hanno avuto dei problemi legali perché questo nome era troppo vicino alla scarpa da corsa Adidas Azteca Gold. Così Blue Ribbon Sports rinominò la scarpa come “Cortez”. Questo nome sarebbe stato scelto dopo Hernan Cortés che sconfisse gli Aztechi.

Continua…

Le Nike Cortez sono ancora popolari?

Anche 50 anni dopo, le celebrità indossano ancora le Nike Cortez per ogni occasione – dalla partecipazione a una funzione di alta moda alla passeggiata con il cane. La natura universale della scarpa è stata provata e riprovata, e questo non rallenterà nel 2021.Jan 7, 2021

Continua…

Quale marchio ha creato la Cortez?

Nike Cortez
La Nike Cortez è stata progettata per la prima volta dal co-fondatore di Nike Bill Bowerman, un allenatore di atletica olimpica, che riteneva che gli atleti avessero bisogno di una scarpa da corsa comoda e resistente progettata per l’allenamento sulla distanza e la corsa su strada.

Continua…

Che cosa significa Chicanos in inglese?

CHICANO/CHICANA Qualcuno che è originario del, o discende dal, Messico e che vive negli Stati Uniti. Chicano o Chicana è un’identità scelta da alcuni messicani americani negli Stati Uniti.

Continua…

Articolo precedente

Il liquido dei freni deve essere cambiato ogni 2 anni?

Articolo successivo

Quanto è spesso l’r20 rigido?

You might be interested in …

Cos’è la pelle di tipo 2?

Ti abbronzi facilmente o inizi a diventare rosa non appena esci al sole? La scala Fitzpatrick potrebbe aiutarti a proteggere meglio la tua pelle quest’estate. Scritto da Natalie Healey – Commentato da Dr Sarah Jarvis […]

Per quale età sono i libri di Judy Blume?

Il primo libro per bambini di Judy Blume, The One in the Middle Is the Green Kangarooè uscito nel 1969. I suoi romanzi bestseller hanno accompagnato i lettori dall’infanzia all’età adulta da allora, affrontando temi […]