20 Maggio 2022
Expand search form

Cos’è un saggio di risposta riflessiva?

La riflessione ti offre l’opportunità di considerare come le tue esperienze e osservazioni personali modellano il tuo pensiero e la tua accettazione di nuove idee. I professori spesso chiedono agli studenti di scrivere riflessioni sulla lettura. Lo fanno per incoraggiarti a esplorare le tue idee su un testo, per esprimere la tua opinione piuttosto che riassumere le opinioni di altri. La scrittura riflessiva può aiutarti a migliorare le tue capacità analitiche perché ti richiede di esprimere ciò che pensi, e più significativamente, come e perché lo pensi. Inoltre, l’analisi riflessiva ti chiede di riconoscere che i tuoi pensieri sono modellati dai tuoi presupposti e dalle tue idee preconcette; così facendo, puoi apprezzare le idee degli altri, notare come i loro presupposti e le loro idee preconcette possono aver modellato i loro pensieri, e forse riconoscere come le tue idee supportano o si oppongono a ciò che hai letto.

Tipi di scrittura riflessiva

Riflessione esperienziale

Popolare nei programmi professionali, come business, infermieristica, lavoro sociale, medicina legale e istruzione, la riflessione è una parte importante per fare collegamenti tra teoria e pratica. Quando ti viene chiesto di riflettere sull’esperienza in un tirocinio, non solo descrivi la tua esperienza, ma la valuti in base alle idee della classe. Potete valutare una teoria o un approccio sulla base delle vostre osservazioni e della pratica e valutare le vostre conoscenze e abilità nel vostro campo professionale. Questa opportunità di prendere il tempo per pensare alle tue scelte, alle tue azioni, ai tuoi successi e ai tuoi fallimenti è meglio farlo all’interno di un quadro specifico, come i temi del corso o gli obiettivi del tirocinio. I concetti astratti possono diventare concreti e reali per te se considerati all’interno delle tue esperienze, e la riflessione sulle tue esperienze ti permette di fare piani di miglioramento.

Lettura di riflessione

Per incoraggiare una valutazione ponderata ed equilibrata delle letture, molti corsi interdisciplinari possono chiederti di presentare una riflessione sulla lettura. Spesso gli istruttori indicano agli studenti cosa si aspettano da una riflessione, ma lo scopo generale è quello di suscitare le tue opinioni informate sulle idee presentate nel testo e di considerare come esse influenzano la tua interpretazione. Le riflessioni sulla lettura offrono l’opportunità di riconoscere – e forse rompere – i tuoi presupposti che possono essere messi in discussione dal testo (o dai testi).

Approcci alla ricerca riflessiva

Potresti chiederti come i tuoi professori valutano la tua scrittura riflessiva. Cosa stanno cercando? Come possono le mie esperienze o idee essere giuste o sbagliate? I tuoi professori si aspettano che tu ti impegni criticamente con i concetti del tuo corso facendo collegamenti tra le tue osservazioni, esperienze e opinioni. Si aspettano che tu spieghi e analizzi questi concetti dal tuo punto di vista, suscitando idee originali e incoraggiando un interesse attivo nel materiale del corso.

Può essere difficile sapere da dove cominciare quando si scrive una riflessione critica. In primo luogo, sappiate che – come qualsiasi altro pezzo di scrittura accademica – una riflessione richiede un focus stretto e una forte analisi. L’approccio migliore per identificare un focus e per l’analisi riflessiva è l’interrogazione. Quello che segue offre suggerimenti per la tua linea di indagine quando sviluppi una risposta riflessiva.

Riflessione esperienziale

È meglio discutere le tue esperienze in un tirocinio o praticantato nel contesto degli obiettivi personali o organizzativi; fare questo fornisce importanti intuizioni e prospettive per la tua crescita nella professione. Per la scrittura riflessiva, è importante bilanciare il resoconto o la scrittura descrittiva con la riflessione critica e l’analisi.

Considera queste domande:

  1. Contestualizza la tua riflessione: Quali sono i tuoi obiettivi di apprendimento? Quali sono gli obiettivi dell’organizzazione? Come si inseriscono questi obiettivi con i temi o i concetti del corso?
  2. Fornisci informazioni importanti: Qual è il nome dell’organizzazione ospitante? Qual è la loro missione? Chi servono? Qual era il tuo ruolo? Cosa hai fatto?
  3. Riflessione analitica: Cosa hai imparato da questa esperienza? Su te stesso? Sul lavoro sul campo? Sulla società?
  4. Lezioni dalla riflessione: La tua esperienza è stata in linea con gli obiettivi o i concetti del corso o dell’organizzazione? Perché o perché no? Quali sono le tue lezioni per il futuro? Cosa ha avuto successo? Perché? Cosa faresti in modo diverso? Perché? Come ti preparerai per una futura esperienza sul campo?

Considera lo scopo della riflessione: dimostrare il tuo apprendimento nel corso. E’ importante collegare attivamente e direttamente i concetti della classe alla tua riflessione personale o esperienziale. L’esempio seguente mostra come le osservazioni di uno studente da una classe possono essere analizzate usando un concetto teorico e come l’esperienza può aiutare uno studente a valutare questo concetto.

Per esempio
Le mie osservazioni in classe dimostrano che la struttura gerarchica della tassonomia di Bloom è problematica, un concetto esplorato anche da Paul (1993). Gli studenti spesso combinavano attività come applicazione e sintesi o analisi e valutazione per costruire la loro conoscenza e comprensione di concetti non familiari. Questo sfida la mia comprensione dei metodi di insegnamento tradizionali in cui la conoscenza è la base dell’indagine. Forse le strategie di apprendimento di ordine superiore come l’indagine e la valutazione possono anche essere la base per la conoscenza e la comprensione, che sono classificate come abilità di ordine inferiore nella tassonomia di Bloom.

Riflessione della lettura

La riflessione critica richiede un’indagine ponderata e persistente. Anche se le domande di base come “qual è la tesi?” e “quali sono le prove?” sono importanti per dimostrare la tua comprensione, hai bisogno di interrogare i tuoi presupposti e le tue conoscenze per approfondire la tua analisi e focalizzare la tua valutazione del testo.

Valuta il testo (o i testi):

  1. Qual è il punto principale? Come viene sviluppato? Identificare lo scopo, l’impatto e/o il quadro teorico del testo.
  2. Quali idee mi hanno colpito? Perché? Erano nuove o in opposizione alla letteratura esistente?

Sviluppa le tue idee:

  1. Cosa so di questo argomento? Da dove viene la mia conoscenza esistente? Quali sono le osservazioni o le esperienze che danno forma alla mia comprensione?
  2. Sono d’accordo o no con questo argomento? Perché?

Fare collegamenti:

  1. In che modo questo testo rafforza le mie idee o presupposti esistenti? In che modo questo testo sfida le mie idee o supposizioni esistenti?
  2. In che modo questo testo mi aiuta a capire meglio questo argomento o a esplorare questo campo di studio/disciplina?

Una nota sulla meccanica

Come per tutti i compiti scritti o le relazioni, è importante avere un chiaro obiettivo per la tua scrittura. Non hai bisogno di discutere ogni esperienza o elemento del tuo tirocinio. Scegline alcuni che puoi esplorare nel contesto del tuo apprendimento. Per le risposte riflessive, identificate gli argomenti principali o gli elementi importanti del testo per sviluppare un’analisi più forte che integri idee rilevanti dai materiali del corso.

Inoltre, la tua scrittura deve essere organizzata. Introduci il tuo argomento e il punto che hai intenzione di fare sulla tua esperienza e sul tuo apprendimento. Sviluppa il tuo punto attraverso il corpo del paragrafo (o dei paragrafi), e concludi il tuo documento esplorando il significato che derivi dalla tua riflessione. Potresti trovare che le domande elencate sopra ti aiutino a sviluppare uno schema prima di scrivere il tuo articolo.

Dovresti mantenere un tono formale, ma è accettabile scrivere in prima persona e usare pronomi personali. Si noti, tuttavia, che è importante mantenere la riservatezza e l’anonimato dei clienti, dei pazienti o degli studenti di lavoro o di volontariato, utilizzando pseudonimi e mascherando i fattori di identificazione.

Il valore della riflessione: La riflessione critica è un esercizio significativo che può richiedere tanto tempo e lavoro quanto i saggi e le relazioni tradizionali perché chiede agli studenti di essere partecipanti, lettori e pensatori impegnati e propositivi.

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Come si scrive una risposta riflessiva?

Carta di riflessione su un libroInizia con brevi informazioni sull’autore.Fai un riassunto con un minimo di spoiler.Concentrati sui personaggi principali.Spiega quali temi tocca lo scrittore.Spiega le allusioni e le influenze.Reagisci alla lettura, condividi le tue impressioni.

Continua…

Come si scrive un saggio riflessivo?

Passi per scrivere un saggio riflessivoPensate a un evento che potrebbe diventare l’argomento del vostro saggio. … Fate una mappa mentale. … Scrivere un forte paragrafo di apertura. … Esponga le sue argomentazioni, idee ed esempi a sostegno nei paragrafi del corpo. … Nella prima frase della conclusione, riassumete brevemente i vostri pensieri.Nov 16, 2012

Continua…

Cos’è la risposta riflessiva?

La riflessione, o tecnica di risposta riflessiva, presa in prestito da alcuni tipi di tecniche di consulenza, è progettata per suscitare il senso più completo possibile dei pensieri e soprattutto dei sentimenti dell’oratore. È un modo di aiutare qualcuno ad esplorare i suoi significati personali.

Continua…

Cosa dovrebbe includere una risposta riflessiva?

Per le risposte riflessive, identifica gli argomenti principali o gli elementi importanti del testo per sviluppare un’analisi più forte che integri le idee rilevanti dal materiale del corso. Inoltre, il tuo scritto deve essere organizzato. Introduci il tuo argomento e il punto che hai intenzione di fare sulla tua esperienza e sul tuo apprendimento.

Continua…

Come si inizia un’introduzione a un saggio riflessivo?

Inizia con un grande gancio e un’introduzione forte. Attira il lettore senza dare troppo, poi fornisci una rapida panoramica dell’argomento di riflessione. Poi, nel corpo del saggio, entra nel vivo dell’articolo descrivendo le tue esperienze e la tua crescita.

Continua…

Cos’è un esempio di saggio riflessivo?

I saggi riflessivi dovrebbero avere un’introduzione, un corpo e una conclusione chiari per condividere gli eventi passati e come questi eventi hanno creato un cambiamento nello scrittore. Alcuni esempi di saggi riflessivi sono Notes of a Native Son e Looking at Women.

Continua…

Qual è un esempio di una risposta riflessiva?

Comuni steli di dichiarazione riflessiva: “Così ti senti…” “Sembra che tu…” “Ti stai chiedendo se…” “Per te è come…” L’ascoltatore può ripetere o sostituire sinonimi o frasi e rimanere vicino a ciò che l’oratore ha detto.

Continua…

Come si inizia un esempio di saggio riflessivo?

Il primo passo per scrivere un grande saggio riflessivo è scegliere un argomento, quindi scegliete saggiamente! “Sto andando a trovare mia madre che vive vicino alla spiaggia in cui sono andato spesso crescendo, quindi scriverò di questo”: “Oggi sono andato a passeggiare sulla spiaggia e mi sono goduto la sabbia, l’acqua e il vento.

Continua…

Come si inizia una dichiarazione riflessiva?

Scrivi ciò di cui parlerai nella tua dichiarazione di riflessione. Ora devi pensare a quali parti del tuo compito principale discuterai. Per fare questo, fai riferimento ai tuoi appunti sul tuo compito principale. Chiediti, “quali parti del mio compito sono più rilevanti per ciò che il compito mi chiede di discutere?

Continua…

Come si usa una dichiarazione riflessiva?

Quando si pratica l’ascolto riflessivo, si dovrebbe:Ascoltare più di quanto si parli.Rispondere a ciò che è personale in ciò che viene detto, piuttosto che a materiale impersonale, distante o astratto.Riaffermare e chiarire ciò che l’oratore ha detto; non fare domande o dire ciò che si sente, crede o vuole.Altri articoli…-9 luglio 2019

Continua…

Quanti paragrafi dovrebbe avere un saggio riflessivo?

Quanti paragrafi ha un saggio riflessivo? Modello di contorno del saggio riflessivo. Questo modello di schema segue un formato a 5 paragrafi, ma puoi aggiungere paragrafi e riorganizzare i paragrafi del corpo per adattarli alle tue esigenze.Jun 1, 2021

Continua…

Si può usare la parola I in un saggio riflessivo?

Nel tuo saggio riflessivo, dovresti usare la prima persona con termini come io, io, mio e mia. Il saggio è un resoconto di qualcosa che ti è realmente accaduto così come i tuoi pensieri sull’evento.Jun 25, 2018

Continua…

Quali sono le tre parti di un saggio riflessivo?

Tuttavia, alcuni elementi principali vanno in un tipico saggio riflessivo: introduzione, corpo e conclusione.

Continua…

Cos’è un esempio di risposta riflessiva?

Le comuni steli di una dichiarazione riflessiva: “Così ti senti…” “Sembra che tu…” “Ti stai chiedendo se…” “Per te è come…” L’ascoltatore può ripetere o sostituire sinonimi o frasi e rimanere vicino a ciò che l’oratore ha detto.

Continua…

Cos’è una risposta di ascolto riflessivo?

L’ascolto riflessivo è sentire e capire, e poi lasciare che l’altro. sapere che lui o lei è stato ascoltato e capito. Richiede di rispondere attivamente all’altro. mantenendo l’attenzione completamente concentrata su chi parla.

Continua…

Articolo precedente

Come ha fatto Rasputin a far cadere la famiglia reale?

Articolo successivo

Come posso sistemare il mio presepe?

You might be interested in …