17 Maggio 2022
Expand search form

Cos’è il metodo naturale di propagazione vegetativa?

I metodi naturali di riproduzione asessuata includono strategie che le piante hanno sviluppato per auto-propagarsi. Molte piante, come lo zenzero, la cipolla, i gladioli e la dalia, continuano a crescere da gemme presenti sulla superficie del fusto. In alcune piante, come la patata dolce, le radici avventizie o gli stoloni possono dare origine a nuove piante (Figura 1). In Bryophyllum e kalanchoe, le foglie hanno piccole gemme sui loro margini. Quando queste vengono staccate dalla pianta, crescono in piante indipendenti; oppure, possono iniziare a crescere in piante indipendenti se la foglia tocca il suolo. Alcune piante possono essere propagate solo tramite talee.

 L'illustrazione raffigura una pianta matura. Un corridore spunta dalla base della pianta e corre lungo il terreno. Un germoglio e un sistema di radici avventizie si formano dal corridore.

Figura 1. Uno stolone, o runner, è uno stelo che corre lungo il terreno. Ai nodi, forma radici e gemme avventizie che crescono in una nuova pianta.

Metodi artificiali di riproduzione asessuata

Questi metodi sono frequentemente impiegati per dare origine a piante nuove e talvolta inedite. Essi comprendono l’innesto, la talea, la margotta e la micropropagazione.

Innesto

 L'illustrazione mostra il tronco di un alberello, che è stato diviso. La parte superiore di un altro alberello è incastrata nella spaccatura e fissata con del nastro adesivo in modo che le due parti possano crescere insieme.

Figura 2. L’innesto è un metodo artificiale di riproduzione asessuata usato per produrre piante che combinano caratteristiche favorevoli del fusto con caratteristiche favorevoli delle radici. Il fusto della pianta da innestare è noto come marza, e la radice è chiamata ceppo.

L’innesto è stato a lungo usato per produrre nuove varietà di rose, specie di agrumi e altre piante. In innestovengono utilizzate due specie di piante; una parte del fusto della pianta desiderata viene innestata su una pianta radicata chiamata ceppo. La parte che viene innestata o attaccata è chiamata marza. Entrambi sono tagliati ad un angolo obliquo (qualsiasi angolo diverso da quello retto), messi a stretto contatto l’uno con l’altro, e sono poi tenuti insieme Figura 2. Far combaciare queste due superfici il più possibile è estremamente importante perché queste terranno insieme la pianta. I sistemi vascolari delle due piante crescono e si fondono, formando un innesto. Dopo un periodo di tempo, la marza inizia a produrre germogli, e alla fine inizia a produrre fiori e frutti. L’innesto è ampiamente usato in viticoltura (coltivazione dell’uva) e nell’industria degli agrumi. Le marze in grado di produrre una particolare varietà di frutta vengono innestate su portainnesti con una specifica resistenza alle malattie.

Taglio

Piante come il coleus e le piante di denaro sono propagate attraverso il gambo taleein cui una porzione del fusto contenente nodi e internodi viene posta in un terreno umido e lasciata radicare. In alcune specie, gli steli possono iniziare a produrre una radice anche se posti solo in acqua. Per esempio, le foglie della violetta africana radicheranno se tenute indisturbate in acqua per diverse settimane.

Stratificazione

 L'illustrazione mostra una pianta con uno stelo che è stato piegato e sepolto sotto il terreno. Un palo tiene l'estremità dello stelo in alto in modo che possa formare una nuova pianta eretta.

Figura 3. Nella margotta, una parte dello stelo viene interrata in modo da formare una nuova pianta.

Stratificazione è un metodo in cui uno stelo attaccato alla pianta viene piegato e coperto di terra. Si preferiscono gli steli giovani che possono essere piegati facilmente senza ferirsi. Il gelsomino e la bouganville (fiore di carta) possono essere propagati in questo modo Figura 3.

In alcune piante, viene impiegata una forma modificata di stratificazione conosciuta come stratificazione aerea. Una parte della corteccia o della copertura più esterna del fusto viene rimossa e coperta con del muschio, che viene poi fissato con del nastro adesivo. Alcuni giardinieri applicano anche l’ormone radicante. Dopo un po’ di tempo, appariranno le radici, e questa porzione di pianta può essere rimossa e trapiantata in un vaso separato.

Micropropagazione

Micropropagazione (chiamata anche coltura di tessuti vegetali) è un metodo per propagare un gran numero di piante da una singola pianta in breve tempo in condizioni di laboratorio (Figura 4). Questo metodo permette la propagazione di specie rare e in pericolo che possono essere difficili da coltivare in condizioni naturali, sono economicamente importanti, o sono richieste come piante senza malattie.

 La foto mostra una pianta che cresce in una provetta.

Figura 4. La micropropagazione è usata per propagare le piante in condizioni sterili. (credito: Nikhilesh Sanyal)

Per iniziare la coltura di tessuti vegetali, si può usare una parte della pianta come uno stelo, una foglia, un embrione, un’antera o un seme. Il materiale vegetale viene sterilizzato a fondo usando una combinazione di trattamenti chimici standardizzati per quella specie. In condizioni sterili, il materiale vegetale viene posto su un terreno di coltura di tessuti vegetali che contiene tutti i minerali, le vitamine e gli ormoni necessari alla pianta. La parte di pianta spesso dà origine a una massa indifferenziata nota come callo, da cui dopo un periodo di tempo cominciano a crescere singole piantine. Queste possono essere separate e vengono coltivate in condizioni di serra prima di essere trasferite in condizioni di campo.

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Quali sono i metodi di propagazione naturale?

Propagazione vegetativa naturaleStem. Gli steli crescono orizzontalmente sopra il terreno. … Radici. Nuove piante emergono da radici gonfie e modificate note come tuberi. … Foglie. Le foglie di alcune piante si staccano dalla pianta madre e si sviluppano in una nuova pianta.Bulbi. … Taglio. … Innesto. … Stratificazione. … Coltura di tessuti.

Continua…

Quali sono i metodi naturali e artificiali di propagazione vegetativa?

La propagazione vegetativa naturale avviene per mezzo di radici, fusti sotterranei, fusti subaerei, germogli aerei, foglie e bulbilli. La propagazione vegetativa artificiale avviene tramite l’uso di parti vegetative speciali come tuberi di radici, cormi, parti di rizoma ecc. o tramite taglio, stratificazione, innesto e innesto di gemme.

Continua…

Cos’è la propagazione naturale e artificiale?

1. Definizione Propagazione vegetativa naturale: La propagazione vegetativa naturale si riferisce allo sviluppo naturale di una nuova pianta senza intervento umano. … Propagazione vegetativa artificiale: La propagazione vegetativa artificiale avviene tramite gemmazione, innesto, margotta, talea, coltura di tessuti, ecc.

Continua…

Cos’è la riproduzione vegetativa naturale e la riproduzione vegetativa artificiale?

Propagazione vegetativa naturale: La propagazione vegetativa naturale si riferisce allo sviluppo naturale di una nuova pianta senza intervento umano. Propagazione vegetativa artificiale: La propagazione vegetativa artificiale si riferisce allo sviluppo artificiale di nuove piante per mezzo dell’intervento umano.Jan 13, 2018

Continua…

Cos’è la riproduzione naturale?

I metodi naturali di riproduzione asessuata includono strategie che le piante hanno sviluppato per auto-propagarsi. … Quando questi vengono staccati dalla pianta, crescono in piante indipendenti; oppure, possono iniziare a crescere in piante indipendenti se la foglia tocca il suolo. Alcune piante possono essere propagate solo tramite talee.

Continua…

Quali sono gli esempi di propagazione vegetativa naturale?

Le strutture vegetali che permettono la propagazione vegetativa naturale includono bulbi, rizomi, stoloni e tuberi.Sep 24, 2013

Continua…

Quali sono i 3 tipi di propagazione vegetativa?

Ci sono diversi modi di propagazione vegetativa. I tre tipi principali nella propagazione degli alberi forestali sono l’innesto, l’air-layering e l’uso di talee. I tre tipi sono indicati come macropropagazione, in alternativa alla micropropagazione o alla coltura dei tessuti.

Continua…

Cosa sono le riproduzioni vegetative naturali?

La propagazione vegetativa naturale avviene quando una gemma ascellare cresce in un germoglio laterale e sviluppa le proprie radici (note anche come radici avventizie). Le strutture vegetali che permettono la propagazione vegetativa naturale includono bulbi, rizomi, stoloni e tuberi.Sep 24, 2013

Continua…

Cos’è la propagazione vegetativa artificiale?

La propagazione vegetativa artificiale è un tipo di riproduzione delle piante che prevede l’intervento umano. I tipi più comuni di tecniche di riproduzione vegetativa artificiale includono il taglio, la margotta, l’innesto, la spollonatura e la coltura dei tessuti. … Le radici avventizie si sviluppano dalle talee e si forma una nuova pianta.Nov 8, 2019

Continua…

Quali sono i metodi di propagazione?

I principali metodi di propagazione asessuata sono la talea, la margotta, la divisione, la gemmazione e l’innesto. Le talee comportano la radicazione di un pezzo reciso della pianta madre; la margotta comporta la radicazione di una parte del genitore e poi la recisione; e la gemmazione e l’innesto uniscono due parti di piante di varietà diverse.

Continua…

Qual è la differenza tra propagazione naturale e vegetativa?

La propagazione vegetativa naturale avviene naturalmente nelle piante, mentre la propagazione vegetativa artificiale avviene sotto l’influenza dell’uomo. La differenza principale tra la propagazione vegetativa naturale e quella artificiale è la forza motrice di ogni tipo di metodo di propagazione vegetativa.Jan 13, 2018

Continua…

Quanti tipi di riproduzione vegetativa naturale si verificano nelle piante da fiore?

Ci sono diversi tipi di riproduzione vegetativa avviene nelle piante naturalmente, essi sono, Runners, stoloni, offsets, rizoma, rigenerazione etc..Aug 5, 2018

Continua…

Quali sono i metodi naturali di riproduzione asessuata nelle piante?

La riproduzione asessuale nelle piante avviene attraverso la gemmazione, la frammentazione, la propagazione vegetativa e la formazione di spore. Per questo metodo non sono necessari fiori. Le piante prodotte dalla riproduzione asessuale prosperano bene in ambienti stabili.8 dicembre 2020

Continua…

Cos’è la propagazione naturale?

La propagazione vegetativa naturale avviene quando una gemma ascellare cresce in un germoglio laterale e sviluppa le proprie radici (note anche come radici avventizie). Le strutture vegetali che permettono la propagazione vegetativa naturale includono bulbi, rizomi, stoloni e tuberi.Sep 24, 2013

Continua…

Quali sono i diversi metodi di propagazione vegetativa artificiale?

I metodi comuni di propagazione vegetativa artificiale sono il taglio, l’innesto, la gemmazione e la margotta. Il taglio consiste nel rimuovere una porzione di fusto e fissarla nel terreno per permettere la crescita di radici e gemme che diventano germogli.

Continua…

Articolo precedente

Qual è la fase normale del tulio?

Articolo successivo

Qual è il freon più freddo per le auto?

You might be interested in …

Come si chiama il catabolismo dei grassi?

Il catabolismo degli acidi grassi è il meccanismo con cui il corpo accede all’energia immagazzinata come trigliceridi. Ci sono tre fasi nel catabolismo degli acidi grassi. Prima il corpo deve mobilitare i depositi di lipidi […]