22 Gennaio 2022
Expand search form

Come si fa una maschera respiratoria fatta in casa?

Probabilmente hai sentito che le maschere fatte in casa possono evitare di diffondere inavvertitamente il coronavirus quando tossisci, starnutisci, parli, canti, ridi o espiri. Potresti anche aver sentito che non possono essere così efficaci nel bloccare le particelle virali come respiratori N95 il tipo di maschere progettate e testate per impedire al personale medico di inalare microbi nocivi come il coronavirus SARS-CoV-2 che causa la COVID-19.

Ritratto di Steve Lustig

Steve Lustig è professore associato e presidente associato di ricerca in ingegneria chimica al College of Engineering di Northeastern. Foto di Matthew Modoono/Northeastern University

Ma quando Steve Lustig esce per una passeggiata, si copre il viso con una maschera fatta in casa che ha la stessa capacità di fermare le particelle virali di una N95. La sua maschera consiste in un paio di strati di spugna. E Lustig, professore associato di ingegneria chimica al Northeastern, si fida perché lui e il suo team hanno testato questi materiali in laboratorio.

Dopo aver testato come le nanoparticelle sono penetrate in più di 70 combinazioni di tessuti, il team ha trovato diverse combinazioni di materiali comuni che possono essere efficaci nel bloccare le particelle di coronavirus come N95s – o meglio. Il trucco, dice Lustig, è che i tessuti devono essere stratificati tatticamente.

“La maggior parte dei tessuti non sono buoni come i respiratori ufficiali e certificati N95”. Dice Lustig. “Ma nessuno si era posto la domanda di quanti strati ci volessero per il cotone, per esempio, per essere buono come un N95”.

Uno degli aspetti più importanti di come stendere un tessuto che possa bloccare le particelle virali è quello di combinare materiali che abbiano abbastanza fibre per aumentare le loro possibilità di intrappolare, o assorbire, i germi.

Un’altra parte fondamentale di quel puzzle è utilizzare almeno uno strato con proprietà idrofobiche, che respingerebbe le sostanze acquose come le gocce respiratorie dalle vie respiratorie di qualcuno e impedirebbe loro di passare attraverso la maschera. Se il liquido bagna il tessuto, può spostare il materiale virale attraverso di esso.

Questa combinazione di strati, oltre a una vestibilità aderente intorno al viso e a una corretta distanza fisica, può costituire un sistema di difesa significativo, dice Lustig.

Una particella di SARS-CoV-2 non è più grande di un globulo bianco o di una particella di polvere leggera, che gli occhi umani non possono vedere senza un microscopio. Il coronavirus prende il suo nome da una serie di punte simili a corone che circondano il suo materiale genetico strettamente imballato.

Per studiare come una particella così piccola e particolare passa attraverso un materiale, Lustig ha lavorato con Ming Su professore di ingegneria chimica alla Northeastern. Il team di Su aveva sviluppato nanoparticelle fluorescenti.

Poiché quelle nanoparticelle erano così simili per dimensioni al coronavirus, e perché interagiscono in modo simile al modo in cui la SARS-CoV-2 interagisce con l’acqua, Su ha preparato un lotto appositamente per gli esperimenti nel laboratorio di Lustig. L’idea era anche quella di approfittare della fluorescenza delle nanoparticelle per contarle dopo il loro passaggio attraverso il tessuto usando un microscopio speciale.

Il team di Lustig ha disperso le nanoparticelle in acqua e poi ha spruzzato quella sostanza nell’aria per emulare una tosse e uno starnuto di qualcuno che porta il virus. I test hanno anche creato diversi cambiamenti nel flusso d’aria per rendere conto del tipo di dinamica che un portatore crea con la respirazione, che aiuta le particelle virali a passare attraverso un materiale.

“Stai anche respirando attraverso la maschera, quindi abbiamo dovuto replicare che in un modo fisicamente e biologicamente significativo,” dice Lustig. “C’è stato un sacco di tentativi ed errori su che tipo di velocità di flusso dovremmo usare, che tipo di concentrazioni di nanoparticelle, e quanto velocemente le nanoparticelle dovrebbero essere spruzzate”.

Il sito risultati mostrano che gli strati assorbenti che possono fermare le particelle di coronavirus con la stessa o maggiore efficienza di una maschera N95 includono quelli che usano spugna, cotone trapuntato e flanella. I migliori strati idrorepellenti da aggiungere in quelle combinazioni coinvolgono il polipropilene non tessuto – il team di Lustig ha testato OLY-Fun e materiali composti da poliestere e poliaramide, una miscela usata nel tessuto del camice da laboratorio.

Il team ha anche testato il cotone rivestito con Scotchgard, un protettore commerciale per tessuti e tappezzerie che respinge l’acqua. Questo è un modo per trasformare un tessuto in una decente barriera idrorepellente, dice Lustig.

“Con molti tipi di cotone, uno o due strati non funzionano”, dice. “Ma più strati saranno efficaci, e se hai almeno uno o due strati che sono idrofobici, otterrai una protezione abbastanza buona”.

Scotchgard può essere utile. Ma la gente non dovrebbe respirare lo spray direttamente, e non dovrebbe usarlo negli strati di tessuto che si trovano più vicini alla bocca, dice Lustig. L’idea è di usare Scotchgard se questa è l’unica opzione che le persone hanno per un idrorepellente, spruzzarlo sullo strato esterno o centrale di una maschera, e lasciarlo asciugare prima di indossarlo.

Illustrazione di Gregory Grinnell/Northeastern University

La persona che ti passa davanti non indossa una maschera. Cosa dovresti dire?

Come le goccioline virali espulse da una persona, le goccioline d’acqua che trasportano le nanoparticelle possono accumularsi sulla superficie di un materiale. Questo può far sembrare che le particelle non lo attraversino. Ma i test del team hanno dimostrato che l’assorbenza di un materiale da sola non parla delle sue capacità di bloccare le particelle simili al virus.

Quando le goccioline si sono accumulate sulla superficie dei materiali testati dal team, i cambiamenti nel flusso d’aria progettati per replicare la respirazione di chi indossa una maschera hanno aiutato le nanoparticelle a passare attraverso.

“Questa è una possibilità reale, perché se si starnutisce ed è un grande starnuto, o se si ha un tipo di tosse bagnata, si può inondare la maschera”, dice Lustig, spiegando che ci sono altri modi in cui una maschera può bagnarsi, come quando starnuti o tosse di qualcun altro inonda lo strato esterno di una maschera.

“Questo è lo scopo degli strati idrofobici”, dice. “Per assicurarsi che gli aerosol non permeino fino in fondo se qualcuno starnutisce sulla tua maschera, che non stai raccogliendo quella particella di virus quando la tua lingua tocca la maschera”.

A causa dell’effetto che la respirazione potrebbe avere sull’efficienza di una maschera facciale, Lustig dice che cercare di cambiare il modo in cui le persone respirano può anche aiutare le persone in situazioni in cui affrontano un rischio maggiore di inalare il coronavirus.

“Se qualcuno ha appena starnutito di fronte a voi, e non indossa una maschera, è meglio trattenere il respiro mentre si cammina oltre, o girarsi per andare via prima di iniziare a respirare pesantemente nella maschera di nuovo”, dice Lustig.

Il team ha iniziato a progettare l’esperimento subito dopo aver letto in una e-mail che Michael Rosenblatt, chief medical officer presso il Lahey Hospital and Medical Center, stava chiedendo aiuto per testare materiali comuni in tessuto che il personale medico potrebbe utilizzare nel bel mezzo di carenze di maschera negli Stati Uniti.

L’esercito degli Stati Uniti e il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti hanno anche sperimentato carenze di maschere facciali, e hanno anche usato la ricerca del team, dice Lustig.

“Avevano bisogno di risposte basate sulla scienza”, dice. “Abbiamo capito che avremmo preferito aiutare piuttosto che stare a guardare”.

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Di cosa ho bisogno per fare la mia maschera facciale?

Un cotone a trama fitta, come una camicia, lenzuolo, o materiale simile Corda elastica, elastico cordoncino perline funzionerà (si può anche utilizzare 1/8 “elastico piatto) Tagliare l’elastico 7 “lungo e fare un nodo ad ogni estremità (NON nodo le estremità del piatto).

Continua…

Quali filtri per maschere facciali posso usare?

Alcuni oggetti domestici possono funzionare come strato filtrante in una maschera fatta in casa, tra cui: Prodotti di carta che si può respirare attraverso, come i filtri del caffè, asciugamani di carta e carta igienica. I filtri HEPA a più strati bloccano le piccole particelle quasi quanto i respiratori N95, come dimostrano alcuni studi.Aug 18, 2021

Continua…

Si possono fare le proprie maschere di stoffa o le coperture per il viso?

Vedi risposta completaIl CDC ha istruzioni per cucire e non cucire per fare maschere o coperture per il viso. La parte migliore è che si può fare con oggetti che probabilmente avete intorno alla vostra casa. “Per fortuna, non devi essere un esperto sarto per fare uno qualsiasi dei tipi di maschere che sono stati raccomandati”, dice il dottor Hamilton. “Invece di temere le nuove linee guida sulle maschere, è meglio vederla come un’opportunità di artigianato fai-da-te per la tua famiglia per quelle gite essenziali fuori casa. E ricorda, anche se indossi una maschera, dovresti comunque prendere questa pandemia molto seriamente, praticando il distacco sociale e facendo la tua parte per aiutare ad appiattire la curva”.

Continua…

Cos’è la maschera N-95?

Un respiratore N95 è un dispositivo di protezione respiratoria progettato per ottenere una vestibilità facciale molto stretta e una filtrazione molto efficiente delle particelle trasportate dall’aria.Sep 15, 2021

Continua…

Quali sono le dimensioni per fare una maschera facciale fatta in casa per aiutare a prevenire la COVID-19?

Per una maschera per adulti, tagliate 1 rettangolo di tessuto lungo 16″ e largo 8,5″. Tagliare 2 pezzi di elastico, ciascuno lungo 7″. Oppure, tagliate 4 fascette di tessuto lunghe 18″. Per una maschera a misura di bambino, tagliate 1 rettangolo di tessuto lungo 14″ e largo 6,5″.

Continua…

Che tipo di maschera è consigliato per prevenire la diffusione del COVID-19?

Il CDC raccomanda alla comunità l’uso di maschere, in particolare maschere di stoffa multistrato senza valvola, per prevenire la trasmissione della SARS-CoV-2.

Continua…

Devo usare maschere chirurgiche o respiratori N95 per proteggermi dalla COVID-19?

No. Le maschere chirurgiche e gli N95 devono essere riservati all’uso da parte degli operatori sanitari, dei primi soccorritori e di altri lavoratori in prima linea il cui lavoro li espone a un rischio molto maggiore di acquisire il COVID-19. Le coperture per il viso in tessuto raccomandate dal CDC non sono maschere chirurgiche o respiratori N95. Le maschere chirurgiche e gli N95 sono forniture critiche che devono continuare ad essere riservate agli operatori sanitari e ad altri medici di primo intervento, come raccomandato dal CDC.Oct 26, 2021

Continua…

Che tipo di maschera devo indossare durante la pandemia di COVID-19?

Le persone devono indossare maschere che coprano completamente la bocca e il naso. Le maschere devono aderire perfettamente ai lati del viso. Vedi la guida del CDC per gli attributi delle maschere necessarie per soddisfare i requisiti dell’ordinanza.

Continua…

Una maschera respiratoria con filtro N95 mi proteggerà dal COVID-19?

Sì, un respiratore a maschera filtrante N95 ti proteggerà e fornirà il controllo della fonte per proteggere gli altri. Un respiratore facciale filtrante N95 approvato da NIOSH con una valvola di espirazione offre a chi lo indossa la stessa protezione di uno che non ha una valvola.

Continua…

Come posso evitare che gli occhiali si appannino quando indosso un facciale?

Questo è stato un problema per alcune persone. Alcune ricerche raccomandano di pulire accuratamente gli occhiali con acqua e sapone e di assicurarsi che siano asciutti prima di indossarli. L’appannamento può avvenire quando si espira e l’aria sale verso gli occhiali, quindi si potrebbe anche provare a garantire che la copertura sia più stretta sopra il naso.Jun 11, 2020

Continua…

Quali schermi facciali sono consigliati per prevenire la diffusione del COVID-19?

Scegli una visiera che avvolge i lati del tuo viso e si estende sotto il mento o una visiera con cappuccio. Questo si basa sui limitati dati disponibili che suggeriscono che questi tipi di schermi facciali sono migliori nel prevenire gli spruzzi di gocce respiratorie.

Continua…

Posso usare una maschera in poliestere durante la pandemia di COVID-19?

Il poliestere o altri tessuti meno traspiranti non funzioneranno altrettanto bene, a causa dell’umidità prodotta durante la respirazione. Se si utilizza il denim o altro tessuto che viene “riciclato”, assicurarsi che sia pulito e in buona forma. Il tessuto usurato o sporco non sarà protettivo.

Continua…

Quali tipi di maschere sono più e meno efficaci nel prevenire la diffusione del COVID-19?

Vedi risposta completaRicercatori della Duke University hanno creato una semplice impostazione che ha permesso loro di contare il numero di particelle di goccioline rilasciate quando la gente ha parlato la frase “Stay healthy, persone” cinque volte di fila. In primo luogo, i partecipanti allo studio hanno parlato senza una maschera, e poi hanno ripetuto le stesse parole, ogni volta indossando uno dei 14 diversi tipi di maschere facciali e coperture.Come previsto, maschere di grado medico N95 eseguito meglio, significa che il minor numero di goccioline ottenuto attraverso. Sono state seguite dalle maschere chirurgiche. Diverse maschere fatte di polipropilene, una miscela di cotone/propilene e maschere di cotone a 2 strati cucite in diversi stili anche eseguito bene. Chiamate anche pile da collo, le ghette tendono ad essere fatte di tessuto leggero e sono spesso indossate dagli atleti. Anche le bandane si sono classificate male.

Continua…

Le maschere N95 offrono più protezione di una maschera medica durante la pandemia di COVID-19?

Una maschera N95 è un tipo di respiratore. Offre più protezione di una maschera medica perché filtra le particelle grandi e piccole quando chi la indossa inala.

Continua…

In che modo le coperture e gli schermi facciali in tessuto proteggono dal COVID-19?

I copriviso di stoffa e gli schermi facciali sono tipi di controllo alla fonte che forniscono una barriera tra le goccioline prodotte da una persona potenzialmente infetta e altre persone, riducendo la probabilità di trasmettere il virus.

Continua…

Articolo precedente

Quali sono tre difese interne aspecifiche?

Articolo successivo

Come faccio a tenere i conigli fuori dal recinto del mio giardino?

You might be interested in …

Che cosa significa VRB in Metar?

Cosa significa VRB in Metar? VRB è usato per la direzione variabile, se 3 nodi o meno. La calma è codificata come 00000KT. Le due cifre successive sono la velocità, seguita dalle raffiche per riportare […]

Da dove viene Fresh Prince of Bel Air?

La star di Hollywood ha stupito il nuovo arrivato Jabari Banks martedì rivelando tramite una videochiamata che avrebbe assunto il ruolo di Will nel prossimo reboot della sitcom televisiva statunitense di successo. Il personaggio ha […]