21 Maggio 2022
Expand search form

Come si alimenta il fosforo alle piante?

Alimenti ad alto contenuto di fosforo per una pianta

Le piante hanno bisogno di tre macronutrienti – i composti necessari in grandi quantità a un organismo – che tipicamente provengono dal suolo: azoto, fosforo e potassio. Ognuno ha un ruolo diverso nello sviluppo sano delle piante, e vari composti, materiali e miscele possono essere aggiunti al suolo per rafforzarne i nutrienti. Nel caso del fosforo, questi includono fertilizzanti commerciali – che possono includere fosfato di roccia o farina d’ossa – o altri materiali come i capelli, i rifiuti di alcuni molluschi, l’urina, ecc.

Alcune di queste fonti di fosforo hanno una lunga storia di uso umano, mentre altre sono state create relativamente di recente. Allo stesso modo, alcune di esse si trovano in natura, mentre altre provengono da sviluppi commerciali e scientifici. Come tale, i giardinieri hanno una pletora di opzioni tra cui scegliere quando cercano una fonte di fosforo per i loro giardini. Tuttavia, il fosforo è una risorsa limitata della Terra, e una quantità eccessiva di esso può danneggiare sia le piante che l’ambiente.

Cosa fa il fosforo?

L’impatto del fosforo nelle piante non può essere sottovalutato. Il macronutriente esiste negli acidi nucleici del DNA di una pianta, quindi gioca un ruolo importante nella riproduzione – che, nel caso delle colture, può aumentare la resa, la qualità e la velocità di maturazione delle colture. Allo stesso modo, il fosforo aumenta la forza del fusto e aiuta le radici a crescere.

Sfortunatamente, il fosforo appare in bassi livelli nel terreno agricolo in cui viene usato regolarmente o lisciviato via; la maggior parte dei terreni normali lo contiene in livelli abbastanza adatti alla crescita delle piante. Bassi livelli di fosforo nel suolo possono causare una crescita ridotta, una resa inferiore delle colture e un tasso di maturazione più lento. Le piante più giovani possono assumere una tinta viola sulle foglie. Gli esseri umani hanno usato il fosforo come fertilizzante per più di 100 anni; inizialmente, gli agricoltori e i giardinieri usavano le ossa macinate e, più recentemente, l’elemento viene creato attraverso reazioni chimiche.

I fertilizzanti commerciali contengono azoto, fosforo e potassio

Tutti i negozi di giardinaggio vendono fertilizzanti, e anche molti negozi di alimentari e grandi magazzini. In generale, i sacchetti o le bottiglie di fertilizzante sono classificati con tre numeri, che rappresentano, in sequenza, le percentuali di azoto, fosforo e potassio nel contenitore. In molti casi, i fertilizzanti “multiuso” tendono a contenere più azoto degli altri due macronutrienti. I fertilizzanti possono apparire in forma liquida o solida.

Tuttavia, alcuni fertilizzanti sono considerati fertilizzanti “completi”, in quanto contengono maggiori quantità di fosforo e potassio rispetto all’azoto. Questi fertilizzanti trovano un uso regolare in agricoltura nei campi che mancano di fosforo e tra le persone che coltivano rose e bulbi. A volte, questi fertilizzanti portano l’etichetta “blossom” o “bloom booster” per questo motivo.

Gli altri due elementi oltre al fosforo, l’azoto e il potassio nei fertilizzanti hanno anch’essi un ruolo da svolgere. Entrambi promuovono lo sviluppo dei semi e dei frutti e aiutano la fotosintesi. L’azoto aiuta le piante a far crescere le foglie e il potassio aiuta la pianta a regolare molti dei suoi processi metabolici.

Quadrante P per il fosforo (dall’urina)

Per quanto disgustoso possa sembrare, l’urina degli esseri umani – e di altri animali – contiene alcuni dei macronutrienti di cui le piante hanno bisogno per prosperare. È stata usata per fertilizzare diverse colture, anche se viene usata soprattutto nei giardini. Ciò è dovuto principalmente al fatto che il costo del trasporto dell’urina in grandi volumi è proibitivo – per non parlare del fatto che ottenere l’urina comporta una logistica sgradevole. Inoltre ha un cattivo odore e può contenere agenti patogeni e residui di farmaci, che possono danneggiare le piante a cui era destinato. Per l’uso nelle colture, il fosforo viene estratto dall’urina, cosa che può essere fatta anche per l’azoto.

Tuttavia, in un giardino, l’urina può essere usata per aiutare le piante e gli alberi a crescere. Bisogna però fare alcune considerazioni. Per prima cosa, l’urina contiene anche azoto, che può causare “bruciature” sulle piante più piccole. Quelle macchie gialle nei cortili dove i cani hanno urinato ne sono un esempio – quindi evitate di urinare direttamente sulle piante. Gli alberi possono resistere a questo metodo fuori dagli schemi per fornire fosforo. Allo stesso modo, la maggior parte dei comuni hanno leggi che potrebbero proibire di urinare all’aperto, anche su proprietà private – controlla le leggi comunali prima di urinare sul tuo giardino, o fai pipì in una tazza e spargila manualmente.

La natura fornisce molte fonti di fosforo

Oltre all’urina umana, ci sono molte fonti naturali di fosforo che possono essere usate in giardino, compreso il guano di pipistrello (o feci), la farina d’ossa, i rifiuti di granchi e gamberi, le bucce di cetriolo bruciate, i capelli e il compost di funghi.

Il valore nutrizionale di queste fonti può variare molto. Numerosi fattori possono anche variare i livelli di nutrienti all’interno di ogni fonte – la farina d’ossa cruda può avere tra il 15 e il 27% di fosforo, per esempio. L’età, il tasso di decomposizione, il metodo di applicazione, l’esposizione alla pioggia o al sole, il tipo di terreno su cui viene applicata e la quantità di microrganismi presenti – tutti questi fattori cambiano le percentuali di ogni nutriente disponibile.

Più spesso – in termini di fonti organiche naturali di nutrienti – gli agricoltori usano il letame o la farina d’ossa per dare alle loro colture non solo fosforo, ma anche azoto e potassio.

Rocce di fosfato (come cibo per le piante)

Il fosfato – una miscela di fosforo e calcio – viene estratto in tutto il mondo, compresi gli Stati Uniti. Ogni fonte ha una composizione chimica leggermente diversa. È importante notare che questa fonte di fosforo non può essere usata in terreni con un pH superiore a 7 (terreni basici).

Questa forma di fosforo ha alcuni vantaggi rispetto ad altre fonti. Rispetto, per esempio, alla farina d’ossa, è conveniente. Contiene anche altri nutrienti tra cui calcio e magnesio. Tuttavia, ha anche una serie di svantaggi.

Troppo fosforo è troppo di una cosa buona

Troppo fosforo può anche danneggiare le piante che doveva aiutare e l’ambiente circostante. Alti livelli di fosforo possono danneggiare la crescita di organismi del suolo chiamati funghi micorriziciche formano una relazione simbiotica con le piante alle radici. Il fosforo può anche non essere necessario in ogni situazione e in ogni terreno. L’erba, per esempio, non produce grandi fiori o frutti, quindi il fosforo presente nel terreno dovrebbe essere sufficiente. Troppo fertilizzante – e quindi fosforo – può causare bruciature su piante più piccole come l’erba.

Il deflusso dalle operazioni agricole e dai giardini può anche raggiungere i sistemi idrici, il che può causare una seria minaccia ai laghi. Il fosforo aggiunto può indurre fioriture algali, che abbassano i livelli di ossigeno in un corpo d’acqua, il che, a sua volta, può uccidere molte delle organizzazioni acquatiche viventi in esso.

Anche se il fosfato di roccia si trova in natura, è una risorsa non rinnovabile, e il suo uso eccessivo ne esaurirà le riserve di una regione. Infatti, secondo alcuni ricercatori, il mondo ne ha ancora tra 500 e 600 anni.

Altri scienziati credono che il fosforo venga usato ed esaurito dal mondo troppo velocemente, e che le riserve di fosforo conosciute dureranno solo altri 80 anni. La stragrande maggioranza – il 90% – di esso è usato in agricoltura. Gli stessi scienziati sostengono anche l’inizio di un programma di riduzione della domanda, un maggiore riciclaggio dei rifiuti e una maggiore esplorazione mineraria. Per un certo periodo, le aziende agricole hanno usato efficacemente i loro rifiuti, creando un ciclo chiuso di cibo e rifiuti, ma questa pratica è caduta fuori moda nelle operazioni di agricoltura industriale. Gli scienziati insistono sulla necessità di agire presto.

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Come posso aggiungere fosforo alle mie piante?

Le fonti di fosforo che usiamo più facilmente sono i concimi invecchiati e le “farine” come la farina di ossa o di pesce e i fosfati di roccia. Questi vengono aggiunti al terreno almeno qualche settimana prima della semina e devono essere mescolati nel terreno fino alla profondità in cui si svilupperanno le radici e i tuberi.

Continua…

Qual è la migliore fonte di fosforo per le piante?

Inoltre, l’accesso all’acqua e al sole, insieme al tipo di suolo e alla presenza di microrganismi, possono influenzare il modo in cui le vostre piante assorbono questo nutriente vitale. Le fonti più comuni di fosforo per le piante includono guano di pipistrello, farina di ossa, rifiuti di granchi e gamberi, e rocce fosfatiche.

Continua…

Come posso aggiungere fosforo al mio terreno?

Rastrellare il letto del giardino. Spargi del fosfato di roccia sopra l’aiuola per aggiungere fosforo al terreno. Per ogni 1.000 piedi quadrati, applicare 60 libbre per terreni gravemente carenti, 25 libbre per terreni moderatamente carenti e 10 libbre per terreni leggermente carenti. Diffondere la farina di granito o greensand per il potassio.

Continua…

Come si alimentano naturalmente le piante di fosforo?

Le principali fonti organiche di fosforo includono, ancora una volta, alcuni concimi, così come la farina di ossa e il fosfato di roccia polverizzato. Il fosfato di roccia è una roccia ricca di fosforo che viene macinata in particelle fini che rilasciano il loro fosforo lentamente e nel corso di molti anni.Jun 19, 2018

Continua…

Qual è un buon fertilizzante al fosforo?

La farina d’ossa è una buona fonte di fosforo, così come il fosfato tenero di roccia, ma il nutriente è accessibile solo in un terreno acido. Se avete un terreno alcalino, usate Hi P Seabird Guano o Hi P Bat Guano per il fosforo.

Continua…

Le bucce di banana hanno fosforo?

Le bucce di banana sono buone per i giardini perché contengono il 42% di potassio (abbreviato con il suo nome scientifico K), uno dei tre componenti principali dei fertilizzanti insieme all’azoto (N) e al fosforo (P) e indicato sulle etichette dei fertilizzanti come NPK. Infatti, le bucce di banana hanno le più alte fonti organiche di potassio.3 giugno 2020

Continua…

I gusci d’uovo contengono fosforo?

Circa il 95% del guscio d’uovo secco è carbonato di calcio del peso di 5,5 grammi. Il guscio d’uovo medio contiene circa . 3% di fosforo e . 3% di magnesio e tracce di sodio, potassio, zinco, manganese, ferro e rame.

Continua…

Quale fertilizzante naturale è ricco di fosforo?

La farina d’ossa è un eccellente fertilizzante ad alto contenuto di fosforo con un rapporto N-P-K medio di 3-15-0. Il fosforo contenuto nella farina d’ossa impiega alcuni mesi per diventare disponibile per le piante attraverso i processi microbici nel suolo. Contiene anche calcio, un altro nutriente essenziale per le piante.9 maggio 2012

Continua…

I gusci d’uovo contengono fosforo?

Circa il 95% del guscio d’uovo secco è carbonato di calcio che pesa 5,5 grammi. Il guscio d’uovo medio contiene circa . 3% di fosforo e . 3% di magnesio e tracce di sodio, potassio, zinco, manganese, ferro e rame.

Continua…

Miracle grow ha un alto contenuto di fosforo?

Per ottenere risultati grandi e belli con Miracle-Gro, le piante hanno bisogno di acqua, luce solare e nutrimento per fiorire durante tutta la stagione. Si nutre istantaneamente per far crescere piante più grandi e belle rispetto a quelle non nutrite. Nutrire ogni 1-2 settimane. Sviluppato con alto contenuto di fosforo per il colore e la fioritura.

Continua…

Le bucce di banana contengono fosforo?

Le bucce di banana sono buone per i giardini perché contengono il 42% di potassio (abbreviato con il suo nome scientifico K), uno dei tre componenti principali dei fertilizzanti insieme all’azoto (N) e al fosforo (P) e indicato sulle etichette dei fertilizzanti come NPK. Infatti, le bucce di banana hanno le più alte fonti organiche di potassio.3 giugno 2020

Continua…

L’acqua delle uova bollite fa bene alle piante?

Le piante amano il calcio. … E lasciare i gusci d’uovo a bollire in acqua calda per un po’ è un ottimo modo per far fuoriuscire il calcio nell’acqua. In pratica: Dopo aver fatto bollire un mucchio di uova nei loro gusci, l’acqua rimasta è più ricca di calcio che mai, e non è una cattiva opzione da riutilizzare per innaffiare le tue piante d’appartamento.May 3, 2019

Continua…

Dove posso ottenere il fosforo in modo naturale?

Il fosforo può essere trovato negli alimenti (fosforo organico) e si trova naturalmente in alimenti ricchi di proteine come carni, pollame, pesce, noci, fagioli e latticini. Il fosforo che si trova negli alimenti animali viene assorbito più facilmente del fosforo che si trova negli alimenti vegetali.Apr 18, 2019

Continua…

Qual è un buon fertilizzante ad alto contenuto di fosforo?

FoxFarm Soil & Fertilizer Company produce diversi tipi di fertilizzanti ad alto fosforo, tra cui Tiger Bloom Liquid Plant Food (2-8-4), Peace of Mind Fruit & Flower Organic Fertilizer (5-8-4), Peace of Mind High Phosphorus Bat Guano (0-5-0), Happy Frog Fruit & Flower Organic Fertilizer (5-8-4) e altre miscele …

Continua…

Quale fertilizzante liquido è ad alto contenuto di fosforo?

La FoxFarm Soil & Fertilizer Company produce diversi tipi di fertilizzanti ad alto contenuto di fosforo, tra cui Tiger Bloom Liquid Plant Food (2-8-4), Peace of Mind Fruit & Flower Organic Fertilizer (5-8-4), Peace of Mind High Phosphorus Bat Guano (0-5-0), Happy Frog Fruit & Flower Organic Fertilizer (5-8-4) e altre miscele …

Continua…

Articolo precedente

Quali sono i fattori macro che influenzano un business?

Articolo successivo

Dove si possono comprare appuntamenti a Palm Springs?

You might be interested in …

Come si propagano i lychnis?

Campione delle rose a fiore magenta e bianco, Lychnis coronaria. Rose campion è una delle circa 20 specie di perenni e biennali del genere Lychnis. Questo gruppo della famiglia delle rose (Caryophyllaceae) è strettamente legato […]