25 Gennaio 2022
Expand search form

Come influiscono gli estrogeni sul ciclo mestruale?

È chiaro che gli estrogeni sono strettamente legati al benessere emotivo delle donne. La depressione e l’ansia colpiscono le donne nei loro anni di produzione di estrogeni più spesso degli uomini o delle donne in postmenopausa. Gli estrogeni sono anche legati a disturbi dell’umore che si verificano solo nelle donne – sindrome premestruale, disturbo disforico premestruale e depressione postpartum.

Esattamente come gli estrogeni influenzano l’emozione è molto meno semplice. È troppo estrogeno? Non abbastanza? Si scopre che gli effetti emotivi degli estrogeni sono quasi misteriosi come l’umore stesso.

Estrogeni: Cos’è normale?

A partire dalla pubertà, le ovaie di una donna iniziano a rilasciare estrogeni in coordinamento con ogni ciclo mestruale mensile. A metà del ciclo, i livelli si impennano improvvisamente, innescando il rilascio di un uovo (ovulazione). Poi scendono altrettanto rapidamente. Durante il resto del mese, i livelli di estrogeni salgono e scendono gradualmente.

I normali livelli di estrogeni variano ampiamente. Grandi differenze sono tipiche in una donna in giorni diversi, o tra due donne nello stesso giorno del loro ciclo. Il livello effettivo misurato di estrogeni non predice i disturbi emotivi.

Ormoni e cervello

Questo non vuol dire che gli estrogeni non siano un attore importante nella regolazione dell’umore. Gli estrogeni agiscono ovunque nel corpo, comprese le parti del cervello che controllano le emozioni.

Alcuni degli effetti degli estrogeni includono:

  • Aumentare la serotonina e il numero di recettori della serotonina nel cervello.
  • Modificare la produzione e gli effetti delle endorfine, le sostanze chimiche del “benessere” nel cervello.
  • Proteggere i nervi dai danni e possibilmente stimolare la crescita dei nervi.

Cosa significano questi effetti in una singola donna è impossibile da prevedere. Le azioni degli estrogeni sono troppo complesse perché i ricercatori possano comprenderle appieno. Per esempio, nonostante gli effetti apparentemente positivi degli estrogeni sul cervello, l’umore di molte donne migliora dopo la menopausa, quando i livelli di estrogeni sono molto bassi.

Alcuni esperti ritengono che alcune donne siano più vulnerabili ai normali cambiamenti di estrogeni del ciclo mestruale. Suggeriscono che sono le montagne russe degli ormoni durante gli anni riproduttivi a creare disturbi dell’umore.

Estrogeni e sindrome premestruale (PMS)

Ben il 90% delle donne sperimenta sintomi spiacevoli prima delle mestruazioni. Se i sintomi sono abbastanza gravi da interferire con la qualità della vita, si parla di sindrome premestruale (PMS). In generale, la PMS è presente quando:

  • I sintomi fisici ed emotivi si verificano in modo affidabile alcuni giorni prima di più mestruazioni consecutive (periodi).
  • I sintomi scompaiono dopo aver completato le mestruazioni e non si verificano in altri momenti.
  • I sintomi causano significativi problemi personali (come al lavoro, a scuola o nelle relazioni).
  • Nessun farmaco, droga, alcool o altre condizioni di salute potrebbero essere da biasimare.

Gonfiore, gonfiore delle braccia o delle gambe e tenerezza del seno sono i sintomi fisici abituali. Ci si può sentire eccessivamente emotivi, provare depressione, rabbia e irritabilità, o avere ansia e ritiro sociale. Dal 20% al 40% delle donne può avere la sindrome premestruale ad un certo punto della vita.

Estrogeni e disturbo disforico premestruale (PMDD)

Come per la sindrome premestruale, le donne con disturbo disforico premestruale (PMDD) sviluppano regolarmente sintomi negativi dell’umore prima del ciclo. Alcuni esperti considerano il disturbo disforico premestruale come una forma grave di PMS.

Nel PMDD, i sintomi dell’umore sono più gravi e spesso mettono in ombra i sintomi fisici. I disturbi emotivi sono abbastanza significativi da causare problemi con la vita quotidiana. Dal 3% al 9% delle donne sperimentano il disturbo disforico premestruale.

Gli estrogeni sembrano essere coinvolti in questi disturbi dell’umore, ma esattamente come è più di un mistero. I livelli di estrogeni nelle donne con PMS o PMDD sono quasi sempre normali. Il problema potrebbe invece risiedere nel modo in cui gli estrogeni “parlano” con le parti del cervello coinvolte nell’umore. Le donne con PMS o PMDD possono anche essere più colpite dalle normali fluttuazioni di estrogeni durante il ciclo mestruale.

Estrogeni e depressione post-partum

Avere “il blues” dopo il parto è così comune che è considerato normale. Tuttavia, dal 10% al 25% delle donne sperimentano una depressione maggiore entro i primi sei mesi dopo il parto. Il brusco calo degli estrogeni dopo il parto sembra il colpevole ovvio, ma questo legame non è mai stato dimostrato.

La depressione post-partum è trattata come qualsiasi altra depressione, con antidepressivi, terapia o entrambi. Alcune preparazioni di estrogeni mostrano una promessa come potenziale aggiunta a questi trattamenti stabiliti.

Estrogeni e depressione in perimenopausa

Nei mesi o anni prima della menopausa (chiamata perimenopausa), i livelli di estrogeni sono irregolari e imprevedibili. Durante la perimenopausa, fino al 10% delle donne sperimentano la depressione che può essere causata da livelli di estrogeni instabili. Alcuni studi suggeriscono che l’uso di un cerotto estrogenico transdermico da solo può migliorare la depressione durante la perimenopausa – ma questo non è una pratica standard di cura. Gli antidepressivi non sono stati dati alle donne in questi studi.

Estrogeni e depressione in postmenopausa

In menopausa, i livelli di estrogeni scendono a livelli molto bassi. È interessante notare che l’assunzione di estrogeni orali non migliora la depressione nelle donne dopo la menopausa. Nei grandi studi che valutano la terapia ormonale sostitutiva, le donne che prendono estrogeni hanno riportato la stessa salute mentale delle donne che prendono il placebo. Dopo la menopausa, i tassi di depressione delle donne diminuiscono, diventando simili a quelli degli uomini della stessa età.

Fonti

FONTI:
Kronenberg, H. Williams Textbook of Endocrinology, Saunders Elsevier, 2008.
Halbreich, U. Farmaci del SNC, 2001.
Braverman, P. Journal of Pediatric and Adolescent Gynecology, febbraio 2007.
Hays, J. New England Journal of Medicine, maggio 8, 2003.

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Come gli estrogeni influenzano le mestruazioni?

Quando inizia il ciclo mestruale, i livelli di estradiolo e progesterone scendono. Questo calo dei livelli ormonali segnala allo strato di endometrio di spargersi, con conseguente sanguinamento mestruale. Durante il sanguinamento mestruale, il livello di ormone follicolo-stimolante (FSH) aumenta e stimola la crescita di follicoli ovarici multipli.Jun 22, 2016

Continua…

Come influiscono gli estrogeni bassi sulle mestruazioni?

Mestruazioni irregolari: L’estrogeno è uno dei principali ormoni che guidano il ciclo mestruale. Gli estrogeni bassi possono portare a periodi mancati o irregolari. Infertilità: Bassi livelli di estrogeni possono impedire l’ovulazione e rendere difficile la gravidanza, portando all’infertilità.Feb 27, 2018

Continua…

Gli estrogeni regolano le mestruazioni?

La maggior parte riguarda la produzione di ormoni. I due ormoni che influiscono sulle mestruazioni sono gli estrogeni e il progesterone. Questi sono gli ormoni che regolano il ciclo.

Continua…

Cosa succede quando i livelli di estrogeni sono alti?

Alti livelli di estrogeni possono metterti a più alto rischio di coaguli di sangue e ictus. La dominanza di estrogeni può anche aumentare le possibilità di disfunzione tiroidea. Questo può causare sintomi come affaticamento e cambiamenti di peso.

Continua…

Quale ormone ferma il tuo periodo?

Raggiungere la menopausa Le ovaie smettono di rilasciare uova, e producono molti meno estrogeni e nessun progesterone. Poiché i livelli di questi due ormoni sono ora così bassi, il rivestimento dell’utero non si costruisce più e le mestruazioni si fermano.Dec 27, 2011

Continua…

Gli estrogeni ritardano l’ovulazione?

Qual è il problema con gli estrogeni e le FET? Ancora una volta, gli estrogeni sono necessari per far crescere il rivestimento e mantenerlo spesso. Poiché una dose ragionevolmente alta di estrogeni viene presa dal secondo giorno del ciclo in un protocollo FET, l’ormone è un down-regulator e impedisce l’ovulazione.

Continua…

Quali sono i sintomi di estrogeni alti?

I sintomi di alti livelli di estrogeni aumento di peso, soprattutto intorno ai fianchi e vita.periodi pesanti o leggeri.PMS peggiore del solito.affaticamento.fibromi nell’utero.grumi fibrocistici nel seno.basso desiderio sessuale.basso umore o ansia.

Continua…

Quali sono i segni di estrogeni bassi?

I sintomi comuni di estrogeni bassi includono: sesso doloroso a causa di una mancanza di lubrificazione vaginale.un aumento delle infezioni del tratto urinario (UTI) a causa di un assottigliamento dell’uretra.periodi irregolari o assenti.cambiamenti di umore.vampate di calore.tenerezza del seno.mal di testa o accentuazione di preesistenti emicranie.depressione.

Continua…

Come ti senti quando gli estrogeni sono alti?

Quando gli estrogeni sono troppo alti o troppo bassi si possono avere cambiamenti del ciclo mestruale, pelle secca, vampate di calore, problemi di sonno, sudorazioni notturne, assottigliamento e secchezza vaginale, basso desiderio sessuale, sbalzi d’umore, aumento di peso, sindrome premestruale, grumi al seno, affaticamento, depressione e ansia.Mar 11, 2021

Continua…

Come puoi dire se i tuoi estrogeni sono bassi?

Quali sono i sintomi di estrogeni bassi? sesso doloroso a causa di una mancanza di lubrificazione vaginale.un aumento delle infezioni del tratto urinario (UTI) a causa di un assottigliamento dell’uretra.periodi irregolari o assenti.cambiamenti di umore.vampate di calore.tenerezza del seno.mal di testa o accentuazione di preesistenti emicranie.depressione.Più articoli …

Continua…

Si può rimanere incinta durante l’assunzione di estrogeni?

È possibile rimanere incinta se si vive con alti livelli di estrogeni, tuttavia, c’è una maggiore probabilità di problemi di fertilità in coloro che vivono con una dominanza di estrogeni.Jul 29, 2019

Continua…

Perché non sto ovulando ma ho periodi regolari?

Puoi ancora avere un periodo anche se non stai ovulando. (Tecnicamente, non è un periodo, ma in pratica, hai ancora a che fare con il sanguinamento). Il tuo periodo inizia quando il tuo endometrio, o il rivestimento dell’utero, si accumula e viene rilasciato da 12 a 16 giorni dopo l’ovulazione.May 3, 2018

Continua…

Quali sono i sintomi di estrogeni bassi?

I sintomi comuni di estrogeni bassi includono:sesso doloroso a causa di una mancanza di lubrificazione vaginale.un aumento delle infezioni del tratto urinario (UTI) a causa di un assottigliamento dell’uretra.periodi irregolari o assenti.cambiamenti di umore.vampate di calore.tenerezza del seno.mal di testa o accentuazione di emicranie preesistenti.depressione.Più articoli…

Continua…

Gli estrogeni bassi possono causare un periodo prolungato?

Bassi livelli di estrogeni provocano spotting intermittente che può essere prolungato, ma di solito è leggero nella quantità di flusso. Alti livelli di estrogeni per periodi di tempo prolungati provocano lunghi periodi di amenorrea seguiti da sanguinamenti acuti, spesso pesanti, con eccessiva perdita di sangue.

Continua…

Cosa fa la mancanza di estrogeni ad una donna?

Bassi livelli di estrogeni possono interferire con lo sviluppo e le funzioni sessuali. Possono anche aumentare il rischio di obesità, osteoporosi e malattie cardiovascolari. I trattamenti si sono evoluti nel corso degli anni e sono diventati più efficaci.

Continua…

Articolo precedente

Qual è la dimensione del letto singolo king?

Articolo successivo

Quanto costano i forni a legna per pizza?

You might be interested in …

Cos’è la flessibilità del volume?

Le organizzazioni possono creare flessibilità di volume – la capacità di aumentare o diminuire la capacità per soddisfare la domanda di un singolo servizio – attraverso l’uso di risorse di lavoro flessibili (ad esempio, lavoratori […]