22 Gennaio 2022
Expand search form

C’è un film dopo Io sono il numero 4?

Esclusivo: L’attore Alex Pettyfer risponde onestamente al perché pensa che un sequel di Io sono il numero 4 del 2011 diretto da DJ Caruso non ci sia mai stato.

L’attore Alex Pettyfer ha risposto onestamente al perché pensa che un sequel del film del 2011 Io sono il numero quattro non sia mai avvenuto. Pettyfer si è fatto un nome per la prima volta recitando in un adattamento della serie di spie per giovani adulti Alex Rider, Stormbreaker. Qualche anno dopo, ha recitato in Io sono il numero quattro prima di passare a Magic Mikeche è servito come un ruolo di lancio per l’attore. Pettyfer ha interpretato John Smith in Io sono il numero quattrodiretto da DJ Caruso e interpretato da Dianna Agron, Teresa Palmer e Timothy Olyphant.

Nel 2018, Pettyfer ha recitato e diretto il thriller indie Back Roads, che ha co-protagonista Juliette Lewis, Jennifer Morrison, e Robert Patrick . Mentre la carriera di Pettyfer ha colpito alcuni blocchi stradali, un film che continua a tornare a lui è I Am Number Four, che ha guadagnato un po ‘di un seguito di culto, con i fan spesso chiedendo un sequel. Il libro è il primo capitolo della Lorien Legacies serie di romanzi, che si concentra su alieni dall’aspetto umano con superpoteri che combattono un’altra specie extraterrestre sulla Terra. Il film è stato un discreto successo al botteghino, e le recensioni sono state medio-basse. Tuttavia, con la serie di libri che continua la Lorien Legacies, i fan hanno sperato di vedere la storia continuare in forma di live-action.

Mentre parlava con Screen RantPettyfer ha detto che gli è piaciuto fare il film e che spera in un sequel. Tuttavia, durante il periodo di rilascio, la serie di film Dreamworks al botteghino non ha avuto successo, il che ha essenzialmente ripulito la lavagna andando avanti con nuove proprietà. Ecco cosa ha detto Pettyfer sul perché non è stato fatto nessun sequel e probabilmente non lo sarà:

“Lo so. Vorrei che avessimo potuto fare un sequel di I Am Number Four. Mi è piaciuto molto fare quel film. C’era Steven Spielberg come produttore, c’era Michael Bay come produttore, DJ Caruso, ma penso che abbiano provato qualcosa in quel film, e sono molto onesto, dove il libro, che è stato scritto da Pittacus Lore, che era fondamentalmente James Frey, hanno provato una pubblicità davvero interessante e creativa dove il film e il libro sono usciti nello stesso momento. Credo che all’epoca la Dreamworks avesse War Horsee Hugh Jackman aveva fatto quel film sui robot, e c’era un altro film. E penso che solo come una lista collettiva, forse i film non hanno funzionato bene come avrebbero dovuto. E così la lavagna è stata in un certo senso ripulita per la Dreamworks per ricominciare con un nuovo rapporto con i finanziamenti. Ho davvero amato I Am Number Four, e ho amato lavorare con DJ, e ho amato quel concetto e quel tipo di alienazione di un outsider, la gente che non ti accetta per quello che sei. So che quel film o quel franchise sarebbe andato in un molto più maturo . e l’evoluzione di questo sarebbe, lo so sicuramente perché DJ mi stava mostrando, ma possiamo sognare, dovremmo dire”.

Alex Pettyfer riflette sul 10° anniversario di #IAmNumberFour e sul perché non abbiamo mai avuto un sequel! pic.twitter.com/ATcTM0JQea

– Screen Rant (@screenrant) 17 settembre 2021

Pettyfer è attualmente protagonista dell’ultima fatica di Marianna Palka, Collectione ha diversi progetti in programma. Ha un ruolo nel film di fantascienza Warning con Thomas Jane e Alice Eve, nel crime/drama The Chelsea Cowboy, e in un biopic su James Joyce con Aiden Gillan chiamato Giacomo e Lucia. Da quando è emerso sulla scena, Pettyfer è rimasto costantemente occupato, ma non ha ancora raggiunto le vette di un successo come Magic Mike da quel momento.

Mentre nessun piano sembra essere in atto per continuare la Lorien Legacies in live-action, molto è cambiato dal 2011, in particolare l’avvento delle piattaforme di streaming. Se un sequel cinematografico non è probabile, forse Io sono il numero quattro andrebbe meglio per un remake della serie su uno streamer, che potrebbe effettivamente rilanciare la serie e aprirla ad un maggiore potenziale. Con tutte le piattaforme alla ricerca di spettacoli sostenibili per più stagioni con un pubblico incorporato, sembra che Lorien Legacies sarebbe un’ottima soluzione. Tuttavia, è improbabile che sia con qualche attore originale di Io sono il numero quattro.

Potresti anche essere interessato agli argomenti

Quanto dura la torba di cocco?

Anche se la resilienza della torba è impressionante, varia a seconda dell’età e della forma, generalmente dura fino a quattro anni. La noce di cocco precompostata può durare quattro anni senza restringersi o compattarsi. Le bucce non compostate di solito durano due anni.

Continua…

Si possono coltivare piante nella sola torba di cocco?

Se state piantando solo nella torba di cocco, probabilmente vorrete mescolare un fertilizzante a rilascio graduale poiché la fibra di cocco ha poche sostanze nutritive da disperdere. Ha un sacco di potassio così come zinco, ferro, manganese e rame.Nov 12, 2019

Continua…

Come si pulisce la torba di cocco?

Perossido di idrogeno. Simile al metodo della candeggina, puoi immergere la torba in una miscela di perossido di idrogeno e acqua al 35% (2 mL per litro d’acqua) per almeno quattro ore. Poi sciacquare accuratamente e riutilizzare.

Continua…

Come si sterilizza la torba di cocco?

È possibile sterilizzare i substrati di coltivazione come la fibra di cocco mettendoli in un forno riscaldato a 180 gradi F per 30 minuti. Questo uccide efficacemente le uova e le larve dei patogeni e i funghi nocivi. Microonde.

Continua…

La torba di cocco e la fibra di cocco sono la stessa cosa?

La fibra di cocco e la torba di cocco sono lo stesso materiale; i termini sono intercambiabili.

Continua…

Posso coltivare pomodori nella fibra di cocco?

Coltivare pomodori con la fibra di cocco può aiutare a produrre raccolti più abbondanti. … La fibra di cocco rimane umida e sostiene tutte le sostanze nutritive aggiunte al mezzo, mentre ossigena le radici delle piante. I pomodori sono soggetti ai parassiti del giardino e al marciume.

Continua…

La torba di cocco è meglio della terra?

Gli appassionati di giardinaggio domestico vedono la cocopeat come un’alternativa sostenibile alla terra. Le piante idroponiche coltivate nella torba di cocco crescono il cinquanta per cento più velocemente di quanto farebbero nel suolo. Inoltre, elimina la necessità di fertilizzanti, erbicidi e pesticidi poiché la torba stessa trasporta ampie sostanze nutritive.Mar 30, 2018

Continua…

Possiamo coltivare le piante solo nella torba di cocco?

Spiegando ulteriormente, Kalaivanan ha detto che in termini di durata, non ci sarà alcuna differenza tra terra e torba di cocco. Infatti, le piante coltivate nella torba di cocco consumano meno acqua. “Richiede meno acqua e trattiene l’umidità a lungo. Le verdure coltivate in coco-peat sono buone anche in termini di qualità.Jan 27, 2019

Continua…

Quali sono gli svantaggi della fibra di cocco?

Il problema più comune con la fibra di cocco è che può avere un contenuto di sale estremamente elevato, soprattutto nei gradi inferiori. La fibra di cocco ad alto contenuto di sali dovrebbe essere lisciviata prima dell’uso. La fibra di cocco ha una minore capacità di scambio cationico ed è ricca di fosforo e potassio.

Continua…

Possiamo usare la torba di cocco senza lavaggio?

Usare la torba di cocco come mezzo di coltura idroponica: Per la coltura idroponica, è meglio lavare accuratamente e tamponare la torba di cocco prima dell’uso, perché la maggior parte delle formule nutritive disponibili sul web non sono adatte alla coltivazione in fibra di cocco. Drenare qualsiasi soluzione rimanente e lavare il cocopeat di nuovo in acqua dolce un paio di volte.May 21, 2016

Continua…

La torba di cocco deve essere sterilizzata?

La torba di cocco non lavorata contiene anche molta umidità che la rende ospite di batteri e funghi nocivi. Si raccomanda la sterilizzazione della torba di cocco non lavorata. La torba di cocco può essere sterilizzata facendola bollire per almeno trenta minuti.

Continua…

Come si disinfetta la torba di cocco con il perossido di idrogeno?

Perossido di idrogeno. Simile al metodo della candeggina, è possibile immergere la torba in una miscela di acqua ossigenata al 35% e acqua (2 mL per litro d’acqua) per almeno quattro ore. Poi sciacquare accuratamente e riutilizzare.

Continua…

Si possono coltivare verdure nella fibra di cocco?

Uno dei concetti di giardinaggio più nuovi e innovativi è l’utilizzo della fibra di cocco al posto della miscela di torba o di altre miscele di terriccio per coltivare le verdure. Ci sono molti vantaggi nel piantare semi nella fibra di cocco per coltivare verdure nel vostro giardino, compreso il fatto che è rinnovabile ed ecologico.

Continua…

Posso mescolare la fibra di cocco con il compost?

La torba di cocco non ha alcun valore nutritivo proprio. Per questo motivo, è una buona idea mescolare la torba di cocco con una quantità uguale di compost per piantare le verdure, al fine di garantire la migliore crescita possibile. I nutrienti più raccomandati per la coltivazione degli ortaggi sono azoto, fosforo e potassio.Feb 13, 2019

Continua…

Posso mescolare la fibra di cocco con il terreno?

Miscela di cocco e terriccio La fibra di cocco reidratata dovrebbe essere leggera e soffice. Una volta che la fibra di cocco è reidratata, è pronta per essere mescolata con il terreno tradizionale. Poiché le sostanze nutritive della fibra di cocco sono diverse da quelle del terriccio, è necessario testare i livelli di sostanze nutritive per determinare i migliori additivi per il vostro mix.

Continua…

Articolo precedente

Quanto è malsano un McGriddle?

Articolo successivo

Eminem è considerato hip hop?

You might be interested in …

Devo pagare le tasse se vendo la mia casa?

Vendere una casa è un importante cambiamento di vita. Ma prima che tu possa concentrarti sull’acquisto di una nuova casa, dovrai capire come riportare correttamente i profitti legati alla vendita della tua casa. Questo ha […]